onorato armatori

Boscoreale: concluso positivamente il festival [email protected]

21 dicembre 2016
225 Views

Continua il lavoro per fare di Villa Regina un polo per il turismo culturale e per rafforzare la qualità urbana

 

Si è concluso ieri il festival [email protected] che ha accompagnato l’inaugurazione del nuovo Auditorium comunale all’interno del centro culturale di Villa Regina.

La manifestazione, con la direzione artistica di Marzio Honorato, svoltasi nei due scorsi week-end, ha avuto un ricco programma di eventi: presentazione di sette libri, iniziative editoriali, diversi seminari e incontri sul cibo e l’agricoltura di qualità, la proiezione di due documentari e di tre film, spettacoli musicali e di cabaret.

Particolarmente ricca è stata la presenza di produttori agricoli e di aziende di qualità.

Grande interesse ha suscitato la presentazione di numerose pubblicazioni sulla biodiversità, sul cibo e l’agricoltura del Vesuvio, sull’area archeologica, sulla storia locale. Così come le due mostre, la prima curata da Gianluigi De Martino sulle trasformazioni urbane del quartiere e le ipotesi di riqualificazione di alcune aree, e la seconda curata da Giuseppe Ametrano, dedicata al Progetto di Museo del Parco Nazionale del Vesuvio, che nascerà all’interno del Centro Culturale di Villa Regina, e realizzato dal Comune di Boscoreale, dal Parco Nazionale del Vesuvio e dall’Osservatorio Vesuviano, con la collaborazione della Facoltà di agraria di Portici.

Interessante è stata anche la visita guidata al complesso del Centro culturale e dell’Auditorium, con la partecipazione di Fabio Vittorini – dello studio Vittorini che all’epoca progettò i servizi del quartiere realizzato con i fondi della ex legge 219/81, la legge per la ricostruzione post terremoto del 23 novembre 1980 – e di Fabrizio Mangoni che ha curato il progetto dell’intervento multimediale che completerà il percorso museale del Centro culturale e dell’Auditorium.

Fabio Vittorini ha raccontato come l’intervento, all’epoca progettato, si inseriva in un contesto ambizioso di rinnovo urbanistico con interventi in termini di aree di verde attrezzato, servizi sociali e culturali e infrastrutture solo parzialmente realizzati e ha sottolineato il valore dell’assegnazione di una funzione all’imponente struttura del centro culturale mantenendo l’attenzione al tema della coesione sociale e dell’elevamento della qualità urbana.

 

Nel corso del dialogo conclusivo Fabrizio Mangoni ha illustrato il progetto “Novus Ager”, realizzato nel 2007/2008 dalla Regione Campania,dalla Facoltà di Urbanistica e di Agraria  e dal Comune di Boscoreale, con l’obiettivo di riconnettere l’area di verde tra Villa Regina e Pompei attraverso percorsi, e assegnando funzioni nuove  ai fondi agricoli e alle preesistenze edilizie per produzioni di qualità, e un sistema di ospitalità diffusa puntando a rimodellare gli elementi di paesaggio agrario dell’epoca. Il progetto è inserito attualmente all’interno degli assi portanti del grande progetto Pompei.

 

Il consigliere regionale Mario Casillo ha ricordato i passi in avanti che si stanno compiendo sul piano delle infrastrutture con l’imminente apertura della nuova stazione della Circumvesuviana in località Villa Regina sulla linea Napoli-Sorrento, la definizione del progetto per una strada di collegamento pedonale tra la nuova stazione e l’Antiquarium, e il finanziamento di un intervento di recupero della linea dismessa Torre -Cancello che porterà alla realizzazione di una pista ciclo-pedonale con aree verdi.

 

Il sindaco Giuseppe Balzano si è detto orgoglioso dell’apertura dell’Auditorium ribadendo l’impegno ad accelerare i tempi per l’allestimento del Museo e per definire un corretto piano di gestione.

 

Intanto si porteranno avanti i lavori per il programma di riqualificazione urbana già partiti con il primo lotto. Patrizia Boldoni, presidente di Scabec, la società regionale di promozione dei Beni culturali, si è detta affascinata dal valore dell’Antiquarium e degli scavi di Boscoreale, dall’utilità del progetto di Museo-centro visita dedicato al mito e alla storia del Vesuvio, e ha assicurato piena disponibilità a lavorare con i soggetti interessati per migliorare la comunicazione sul polo di Villa Regina, e a nuovi eventi per migliorare la fruizione turistica.

 

Al termine dell’incontro si è lanciata l’idea di programmare un laboratorio di valore nazionale che, partendo dai numerosi studi realizzati da facoltà universitarie, da studenti per tesi di laurea o da laureati per specializzazione, focalizzi i temi del rapporto tra partecipazione sociale e rinnovamento urbanistico alla luce delle esperienze europee.

You may be interested

Torre del Greco: incidente a Cappella Bianchini, morto 45enne
shares94 views
shares94 views

Torre del Greco: incidente a Cappella Bianchini, morto 45enne

Di Redazione - Gen 23, 2018

Ha avuto probabilmente un malore mentre transitava in sella al proprio motorino nei pressi di Cappella Bianchini, a Torre del…

Caupona sostiene la ricerca archeologica in favore dell’antica Stabiae
shares23 views
shares23 views

Caupona sostiene la ricerca archeologica in favore dell’antica Stabiae

Di Redazione - Gen 23, 2018

L’archeo-ristorante Caupona sostiene la ricerca archeologica in favore dell’antica Stabiae, con l’obiettivo di realizzare la mappatura computerizzata completa della città…

“Io vorrei essere là”: spettacolo gratuito all’Ethnos Club il 27 gennaio
shares24 views
shares24 views

“Io vorrei essere là”: spettacolo gratuito all’Ethnos Club il 27 gennaio

Di Redazione - Gen 23, 2018

Di Luigi Tenco non si canta mai abbastanza, né si parla troppo e la nostra memoria ci restituisce di lui…