Header Ad

Castellammare: Cuomo in lacrime ritira le dimissioni e annuncia sciopero della fame

4 maggio 2015
46 Views

IMG-20150504-WA0000A venti giorni dalle dimissioni, il primo cittadino stabiese ha annunciato il ritiro “nonostante alcuni ex alleati stiano continuando a remare contro”.

E’ durato circa un’ora il monologo con cui il sindaco di Castellammare – affiancato da 8 fedelissimi – ha ripercorso le ragioni che lo avevano spinto a dimettersi e le motivazioni per cui oggi ha deciso di tornare sui suoi passi.

“L’arrivo di un commissario in un momento delicato come questo sarebbe un rischio per la città” – ha detto nel corso della conferenza stampa nell’aula Falcone e Borsellino – “e poi non ho intenzione di rinunciare al sogno di una Castellammare migliore”. A Palazzo Farnese il primo cittadino ha elencato le sfide affrontate dall’inizio del suo mandato ad oggi, dalle condizioni disastrose della partecipate alla dichiarazione del dissesto: “Non mi è mancato il coraggio di assumere la segreteria del partito democratico dopo l’omicidio Tommasino, non mi è mancato il coraggio di affrontare le primarie e di certo oggi non mi manca il coraggio di rititare le dimissioni”, con la voce rotta dalle lacrime Cuomo ha scelto di certo una strada difficile. Attualmente non ha la maggioranza in consiglio comunale e quindi non può garantire la governabilità: “Oggi siamo in undici ma auspico l’allargamento per il bene della città, certo di non poter contare sull’ala degli ex alleati Iovino e Corrado di cui non posso più fidarmi”, ha lanciato un appello alle forze dell’area moderata della cittadina stabiese. Le dimissioni di Cuomo nacquero anche dalla volontà di dare un segnale forte sul tema delle Terme di Stabia. Una situazione ancora spinosa: “Da oggi sarà in sciopero della fame”, l’annuncio inaspettato del primo cittadino, “fino a quando la Regione non si deciderà ad attivare il tavolo di concertazione per affrontare la questione del sostegno al reddito dei lavoratori termali”.

In serata è arrivata anche una prima reazione da parte dell’assessore regionale Severino Nappi: “Il primo cittadino dovrebbe sapere che una soluzione tecnica è stata già trovata dalla Regione, mettendo una pezza alla superficiale gestione del fitto del ramo d’azienda. La materiale erogazione degli ammortizzatori dipende invece dall’autorizzazione che il Ministero del Lavoro tarda ad effettuare da tempo nonostante i nostri solleciti”.

You may be interested

23enne di Torre del Greco morto in ospedale, ha atteso 4 ore per esame
0 shares762 views
0 shares762 views

23enne di Torre del Greco morto in ospedale, ha atteso 4 ore per esame

Alessandro Palermo - Ago 20, 2017

Al pronto soccorso dell'ospedale Loreto Mare di Napoli è arrivato alle 21.46 dello scorso 16 agosto. Vittima di un incidente…

Torre del Greco, Scotto: “Su morte 23enne chiediamo conto a Lorenzin”
0 shares597 views
0 shares597 views

Torre del Greco, Scotto: “Su morte 23enne chiediamo conto a Lorenzin”

Alessandro Palermo - Ago 20, 2017

"In Campania muori a 23 anni perché con #codicerosso ti fanno aspettare 4 ore prima di trasferirti. Inaudito. Chiediamo conto…

Torre Annunziata: tentano furto alla Novartis, arrestati tre rumeni
0 shares254 views
0 shares254 views

Torre Annunziata: tentano furto alla Novartis, arrestati tre rumeni

Alessandro Palermo - Ago 19, 2017

Ieri sera, durante i consueti servizi di controllo del territorio, gli agenti del Commissariato di Torre Annunziata hanno arrestato, in…

Leave a Comment

Your email address will not be published.