Header Ad

Ordigno bellico nelle acque di Capri, la marina militare pronta alla bonifica

17 marzo 2015
56 Views

Nave CHIOGGIA

A seguito del ritrovamento di un ordigno bellico risalente al secondo conflitto mondiale effettuato nei giorni scorsi nelle acque a nord di Capri, Nave Chioggia condurrà a breve una campagna di rimozione ordigni con i Palombari del Gruppo Operativo Subacquei (G.O.S.) del Raggruppamento Subacquei ed Incursori “Teseo Tesei” (COMSUBIN)  al fine di garantire la sicurezza degli spazi marittimi e della navigazione.

Il cacciamine Chioggia è impiegabile in maniera flessibile e polivalente, sia in attività militari di localizzazione e neutralizzazione di ordigni in mare, sia dispiegabile ovunque vi siano necessità di sostegno al Paese ed alla comunità internazionale, per garantire il libero e sicuro uso delle principali rotte marittime, la ricerca in mare di relitti e beni d’interesse storico e culturale.

I Palombari del Reparto Pronto Impiego del G.O.S., condurranno le attività subacquee anche attraverso l’uso di “scafandri rigidi articolati A.D.S. Quantum” (Atmospheric Diving System), che permettono l’immersione fino alla profondità di 300 metri.

You may be interested

tg 26-06-17-tvcity
shares16 views
shares16 views

tg 26-06-17-tvcity

Antonella Losapio - Giu 26, 2017

In apertura la politica. Ieri turno di ballottaggio a Torre Annunziata. Vincenzo Ascione è il nuovo sindaco. L’ex assessore di…

“Carnevale Estivo” a Torre del Greco, lo speciale di Tvcity
shares33 views
shares33 views

“Carnevale Estivo” a Torre del Greco, lo speciale di Tvcity

Maria Grazia Vodola - Giu 26, 2017

Circa 30.000 persone per il Carnevale Estivo di Torre del Greco Nel salotto panoramico della città di Torre del Greco,…

Protezione Civile Campania: proseguono ondate di calore
shares91 views
shares91 views

Protezione Civile Campania: proseguono ondate di calore

Antonella Losapio - Giu 26, 2017

La Protezione civile della Regione Campania, sulla base delle analisi effettuate sui valori osservati in tempo reale dalla rete termoigrometrica…

Leave a Comment

Your email address will not be published.