onorato armatori

Torre Annunziata. Droga con “staffetta” su SS 608: 4 condanne

24 novembre 2016
386 Views

TORRE ANNUNZIATA. Droga trasportata con “staffetta” sulla SS 608, da Torre Annunziata a Vairano Scalo (Caserta) ed a bordo di due auto: condannato ma libero il fornitore, Gaetano Maresca (di 29 anni, nella foto) figlio del ras dei Gallo-Cavalieri Giuseppe ‘o saccaro, ucciso nell’ultimo agguato di camorra in città. Condanne anche per i tre corrieri, pescati in macchina con la marijuana. Si tratta di Salvatore Esposito, Gennaro Troncato e Crescenzo Gallo.

Per Maresca, Esposito e Troncato le condanne più pesanti: a tre anni e mezzo di reclusione. Il pm della Procura oplontina, per tutti, aveva chiesto la pena di 7 anni. Esposito e Troncato avranno a carico il divieto di dimora nel comune di Torre Annunziata. Il figlio di ‘o saccaro, invece, difeso dagli avvocati Ciro Ottobre e Maria Formisano, dopo otto mesi trascorsi in carcere tornerà a casa con l’obbligo di firma in polizia. Ad un anno e mezzo (pena sospesa) la condanna inflitta ai danni di Crescenzo Gallo.

Il 17 marzo i carabinieri arrestano tre presunti corrieri della droga: Salvatore Esposito, di 33 anni, Gennaro Troncato, di 29, e Crescenzo Gallo, di 45. Tutti finiscono in manette dopo un lungo inseguimento sulla statale 608. Corsa terminata all’altezza dell’uscita di Caianello. Una Ford Ka funge da apriprista, scortando il corriere che guida una Fiat Idea: nell’abitacolo, due involucri con dentro un chilo e 44 grammi di marijuana. Esposito e Troncato viaggiano sulla Ford, si fermano fuori al casello Pompei-Scavi e contattano il corriere, Crescenzo Gallo.

Dopo l’accordo, la banda parte per il casertano, imbocca la statale, percorre più di un chilometro. Le auto sospette saranno poi bloccate dai carabinieri della compagnia di Torre Annunziata. A bordo della Fiat Idea, guidata da Gallo, i militari rinvengono e sequestrano oltre un chilo di droga. Marijuana pura, forse destinata alle “piazze” del casertano.  Da qui l’indagine si allarga. La droga sequestrata a marzo – secondo gli inquirenti – è infatti parte di un più ampio mercato dello spaccio.

Venti giorni dopo, l’11 aprile, viene arrestato anche il figlio del ras ucciso nell’ultimo agguato di camorra cittadino. Le intercettazioni inchiodano Gaetano Maresca, tra i principali fornitori della droga trasportata dal Vesuviano fino a Caserta. Il 29enne pregiudicato, prima dell’arresto-bis, stava bevendo un caffè al bar della Circumvesuviana. I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata gli stringeranno le manette ai polsi mentre gira lo zucchero con il cucchiaino.

 

You may be interested

Torre Annunziata, crollo rampa Nunziante: architetto avrebbe falsificato atti
shares203 views
shares203 views

Torre Annunziata, crollo rampa Nunziante: architetto avrebbe falsificato atti

Di Redazione - Gen 22, 2018

In data odierna si è data esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della misura cautelare del divieto di dimora nel territorio…

Tg 22-01-18 TVCITY
shares83 views
shares83 views

Tg 22-01-18 TVCITY

Di Redazione - Gen 22, 2018

Verso le elezioni: tavoli programmatici e riunioni di circoli Inaugura questa sera il Pd il tavolo di coordinamento con i…

Torre del Greco: il centrodestra cerca un candidato sindaco condiviso
shares258 views
shares258 views

Torre del Greco: il centrodestra cerca un candidato sindaco condiviso

Redazione - Gen 22, 2018

A Torre del Greco, un lunedì all’insegna della politica. Mentre, infatti, in casa Pd si ragiona di elezioni nazionali, procedendo…