onorato armatori

Torre Annunziata. Sequestrati 70 kg di datteri illegali

16 dicembre 2016
212 Views

Denunciato l’ennesimo pescatore di frodo

 

TORRE ANNUNZIATA. In città è lotta senza quartiere ai “datterari”. Anche oggi, dopo una complessa attività di intelligence, il Nucleo di Polizia Giudiziaria della guardia costiera di Castellammare di Stabia ha sequestrato 70 kg di datteri di mare, il cui valore sul mercato nero poteva aggirarsi intorno ai 7mila euro.

I militari della capitaneria di porto, agli ordini del Capitano Guglielmo Cassone, hanno inseguito e poi fermato – all’incrocio tra via Bottaro e via Provinciale Sant’Antonio – uno scooter con a bordo A. C., di Castellammare di Stabia, già noto alle forze dell’ordine e “datteraro” di professione.

In possesso del pescatore di frodo è stato ritrovato l’ingente quantitativo di datteri, estratto dalle rocce dell’area marina protetta di “Punta Campanella”.

I datteri sono stati immediatamente sequestrati e distrutti. Il pescatore di frodo è stato invece denunciato alla Procura della Repubblica di Torre Annunziata.

You may be interested

Torre del Greco: incidente a Cappella Bianchini, morto 45enne
shares1360 views
shares1360 views

Torre del Greco: incidente a Cappella Bianchini, morto 45enne

Di Redazione - Gen 23, 2018

Ha avuto  un malore mentre transitava in sella al proprio motorino nei pressi di Cappella Bianchini, a Torre del Greco,…

Caupona sostiene la ricerca archeologica in favore dell’antica Stabiae
shares66 views
shares66 views

Caupona sostiene la ricerca archeologica in favore dell’antica Stabiae

Di Redazione - Gen 23, 2018

L’archeo-ristorante Caupona sostiene la ricerca archeologica in favore dell’antica Stabiae, con l’obiettivo di realizzare la mappatura computerizzata completa della città…

“Io vorrei essere là”: spettacolo gratuito all’Ethnos Club il 27 gennaio
shares38 views
shares38 views

“Io vorrei essere là”: spettacolo gratuito all’Ethnos Club il 27 gennaio

Di Redazione - Gen 23, 2018

Di Luigi Tenco non si canta mai abbastanza, né si parla troppo e la nostra memoria ci restituisce di lui…