onorato armatori

Torre Annunziata/Torre del Greco. Ladre di formaggio nei market “Md”. Zero sconti in appello

23 luglio 2016
252 Views

Md-Discountdi Marco Esposito

Erano specializzate nel rubare confezioni di formaggio all’interno dei supermarket “Md” di Torre Annunziata e di Torre del Greco: condannate anche in appello Carmela Mainenti (24), Kazakhi Nadia (31) e Giuseppina Inserra (34), le tre donne di Scafati, tutte residenti tra via Luigi Cavallaro e vicolo Tessitore, e divenute nel gennaio 2015 il “terrore” dei market della zona vesuviana.
LA SENTENZA. I giudici della settima sezione della Corte d’Appello di Napoli hanno confermato in toto le pene già inflitte in primo grado alla “banda”, che utilizzava al seguito una bimba di soli 8 anni per mettere a segno i propri colpi: 3 anni a Giuseppina Inserra, che resta ai domiciliari nonostante fosse stata l’unica del trio a dichiararsi innocente. Ad un anno e due mesi ciascuno (pena sospesa) le condanne comminate invece alla Mainenti e alla Kazakhi. Entrambe, a differenza della Inserra, avevano in precedenza confessato agli inquirenti le loro colpe. Gli avvocati delle tre donne (i legali Gennaro De Gennaro, Luisa Nastri e Alfonso Abagnale) hanno annunciato che ricorreranno in Cassazione avverso la sentenza.

LO SCOPO. Secondo gli esiti dell’inchiesta, condotta tra il mese di febbraio e l’aprile del 2015 dai carabinieri di Torre Annunziata (coordinati dal maresciallo Egidio Valcaccia e diretti dal maggiore Michele De Riggi), lo scopo ultimo della “banda” era quello di rivendere il formaggio a prezzi ribassati ai residenti delle palazzine di Scafati, creando un vero e proprio sistema di commercio illegale parallelo. Il valore giornaliero della merce sottratta all’interno dei market oscillava tra i 500 ed i 1000 euro.

I FURTI. “Vittima” designata delle ladre di formaggio era il supermercato “Md” di Torre Annunziata, che subì la “visita” delle ladre il 22, 27, 28 Gennaio ed il 12 Febbraio 2015. Furti durante l’orario di apertura e sotto gli occhi degli addetti ai lavori. Le tre donne pensavano di agire indisturbate, ma non avevano fatto i conti con le telecamere di sorveglianza a circuito chiuso, che invece riprendevano il loro puntuale “modus operandi”. Stando a quanto accertato dai militari il trio, dopo aver fatto irruzione all’interno dei supermercati, puntava dritto al banco frigorifero. Poi iniziava a prelevare confezioni di formaggio, riponendole con cura nel carrello della spesa. L’aspetto più grave della vicenda era rappresentato dalla presenza di una bimba di otto anni, figlia di una delle componenti della “banda”, che partecipava attivamente ai colpi. Una volta caricato il formaggio nel carrello, le tre donne e la bambina si allontanavano verso la zona riservata alla vendita del pane. Era lì che venivano rimosse le etichette antitaccheggio, così da nascondere la refurtiva all’interno delle borse per dileguarsi dalle uscite “senza acquisti”. In questo modo, con la minorenne che si occupava dello strappo delle etichette dalle confezioni di formaggio, le tre donne erano riuscite a mettere a segno una decina di colpi, anche in alcuni market “Md” di Castellammare di Stabia e di Scafati.

You may be interested

Torre del Greco: prosegue il confronto politico di Forza Italia in città
shares125 views
shares125 views

Torre del Greco: prosegue il confronto politico di Forza Italia in città

Di Redazione - Dic 14, 2017

Il gruppo dirigente Forza Italia di Torre del Greco, dando attuazione alla volontà di voler attivare un tavolo di confronto…

Napoli: rapina e botte nel parcheggio del multisala, arrestato 26enne
shares149 views
shares149 views

Napoli: rapina e botte nel parcheggio del multisala, arrestato 26enne

Di Redazione - Dic 14, 2017

Napoli: rapina e botte nel parcheggio del multisala. Carabinieri arrestano 26enne figlio di personaggio di spicco del rione Sanità. Questa…

Autista bus chiede biglietto a una ragazza, il fidanzato pensa ci stia provando e sfonda la porta a calci
shares139 views
shares139 views

Autista bus chiede biglietto a una ragazza, il fidanzato pensa ci stia provando e sfonda la porta a calci

Di Redazione - Dic 14, 2017

Sant’Antonio Abate: autista del bus chiede biglietto a una ragazza. Il fidanzato capisce male, pensa ci stia provando e sfonda…

Leave a Comment

Your email address will not be published.