Header Ad

Torre del Greco: nomina scrutatori, la posizione dei GD

13 maggio 2015
56 Views

1920080_762806570420362_368567234_n-200x140“La Politica è una cosa seria. Soprattutto se alla base ci sono valori e ideali (se questi ci sono SEMPRE, non solo quando si fa campagna elettorale)”.

A Torre del Greco pochi giorni fa si è registrata una sconfitta: la scelta unanime della Commissione Elettorale di procedere con la nomina degli scrutatori. Sulla questione, ci sarebbero da fare due considerazioni:

1) il PD locale non ha una reale – o quantomeno diretta – colpa in merito alla vicenda, perché non vi sono suoi membri nella Commissione Elettorale, e quindi non avrebbe mai potuto influire sull’unanimità raggiunta dalla Commissione Elettorale.

2) purtroppo, il metodo delle nomine è previsto dalla legge [LEGGE 8 marzo 1989, n. 95 Norme per l’istituzione dell’albo e per il sorteggio delle persone idonee all’ufficio di scrutatore(…); della nomina se ne parla all’art. 6 della legge 95/1989, poi sostituito dall’art. 9, comma 4, della legge n. 270/2005].

Ora, la prima osservazione che va fatta è che l’orientamento politico di un’amministrazione comunale non è totalmente irrilevante, basta pensare che il sorteggio è sempre stato utilizzato come metodo dalla scorsa amministrazione, e che ora che siamo un piccolo feudo svizzero si è ritornati alle nomine. La storia dunque è questa, che ci piaccia o no.

Ma è pur vero che dal partito per cui noi lottiamo, per cui mettiamo la nostra faccia sempre, e non solo all’occorrenza o quando più ci conviene, quello stesso partito per cui poi ce ne sentiamo dire di tutti i colori anche quando gli errori non siamo noi a commetterli in prima persona, ci saremmo aspettati che si cercasse un modo per condividere, per aprirsi davvero alla cittadinanza tutta: denunciare subito i fatti, creare un’alternativa seppure marginale dando spazio a disoccupati e giovani..Ma magari anche solo essere tutti presenti domenica scorsa e dire le cose come stanno.

Altrimenti correremo sempre il rischio di essere additati come «il nemico», quando il vero nemico domenica era a leggere i nomi degli scrutatori nominati.

In periodo elettorale si è soliti sospendere il giudizio.Non è compito nostro né nostra abitudine giudicare e non lo facciamo mai, ma è nostro il dovere di parlare in maniera chiara sempre.Soprattutto in periodo di campagna elettorale.

Perché nonostante le grosse difficoltà che si riscontrano nel nostro paese, nel fare politica, nel nostro partito, c’è ancora chi conserva la stessa voglia di fare, con la convinzione che le cose possono davvero cambiare.»

You may be interested

“Comitato Vesuvio: Mo Basta!”, lunedì assemblea pubblica al liceo De Bottis
0 shares22 views
0 shares22 views

“Comitato Vesuvio: Mo Basta!”, lunedì assemblea pubblica al liceo De Bottis

Antonella Losapio - Lug 22, 2017

Lunedì, 24 luglio 2017, alle ore 17.00, è in programma un'assemblea pubblica presso l'aula magna del Liceo Classico Gaetano de…

Torre Annunziata. Periti sul luogo del crollo: gli sfollati rientrano a casa
0 shares102 views
0 shares102 views

Torre Annunziata. Periti sul luogo del crollo: gli sfollati rientrano a casa

Redazione - Lug 21, 2017

Torre Annunziata. Rientreranno già stasera nelle rispettive abitazioni 12 delle 14 famiglie sfollate dopo il crollo del palazzo, avvenuto il…

Incendi, M5S: tavolo permanente Comuni Vesuvio. Si parte il 24 a Torre del Greco
0 shares234 views
0 shares234 views

Incendi, M5S: tavolo permanente Comuni Vesuvio. Si parte il 24 a Torre del Greco

Antonella Losapio - Lug 21, 2017

Piani di protezione civile non emanati, catasto con le aree incendiate non consultabile online come previsto dalla legge, piani comunali…

Leave a Comment

Your email address will not be published.