6x3 (1)Più di un mese di appuntamenti con tanto di rievocazioni storiche, concerti e tanti appuntamenti itineranti in giro per Torre del Greco, in provincia di Napoli per ricordare il riscatto baronale.

La storia prende vita nel 1699 quando i torresi decisero di ribellarsi all’ennesimo “ambio di proprietà” della cittadina vesuviana che doveva passare in quegli anni nelle mani dello spagnolo don Loffredo. L’opposizione ed il riscatto morale ed economico dei cittadini fece in modo da ottenere nel 1699 l’annessione alle terre del demanio regio e la nomina di un torrese, Giovanni Langella, a Barone di Torre del Greco.

Il progetto e la direzione artistica del Riscatto Baronale – La Festa sono firmati dal mezzosoprano Patrizia Porzio che oltre ad esibirsi sui principali palcoscenici italiani ed esteri, affianca alla sua attività artistica quella di progettista e di direzione di eventi ad ampio respiro culturale volti alla valorizzazione ed alla promozione turistica del territorio campano.

Per celebrare degnamente la ricorrenza, il 5 ed il 6 dicembre alle ore 20,30  a Villa Macrina verrà riproposta la rievocazione de “Il riscatto baronale” a cura di Susy Mennella e la partecipazione straordinaria di Giancarlo Giannini. Martedi 15 dicembre al teatro Corallo, Valentina Stella si esibirà in concerto con Passione Eterna. Appunamenti in musica anche il 21 ed il 28 dicembre prima a Piazza Santa Croce con un ricordo di Pino Daniele con suo fratello Nello e friends ed il 28 con Paolo Belli in A Me mi piace lo Swing.

Gli appuntamenti proseguiranno anche ad inizio 2016: il 15 – 16 e 17 Gennaio a Villa delle Ginestre verrà proiettato il film Il Giovane Favoloso di Mario Martone nell’ambito del premio Giacomo Leopardi. Domenica 31 gennaio invece è previsto presso Villa Macrina il Banchetto del Barone, un percorso itinerante tra cibo e cultura. In contemporanea, dal 5 al 20 dicembre, sarà in mostra alla Palestra Gil “Gennaro Vitiello, una vita per il teatro” a celebrare la figura di uno dei massimi esponenti del recupero della tradizione teatrale torrese.

L’intero progetto è finanziato con fondi europei dall’Assessorato ai Beni Culturali della Regione Campania e prevede oltre alla realizzazione degli eventi anche il restauro dell’atrio, dell’esedra, dello scalone e della fontana della storica Villa Macrina di Torre del Greco.