2 (7) 3 (3) 4 5 6 7 8I carabinieri delle compagnie di Torre Annunziata e Castellammare di Stabia hanno effettuato un servizio ad “alto impatto” su tutto il territorio di competenza predisposto per contrastare fenomeni d’illegalità diffusa.
Per l’operazione si sono avvalsi di un elicottero dell’elinucleo di Pontecagnano (Sa), che ha sorvolato le zone d’intervento dando dall’alto il supporto necessario a vanificare eventuali tentativi di fuga o di elusione dei controlli degli obiettivi dell’operazione da sottoporre a stringenti controlli o a perquisizioni: pregiudicati, soggetti d’interesse operativo, persone sottoposte a misure alternative alla detenzione o a misure di prevenzione o sicurezza.

I controlli e gli interventi hanno portato alla denuncia di 10 persone, all’arresto di 5 soggetti (2 su provvedimenti emessi dalla magistratura e 3 in flagranza di reato) e all’accompagnamento in caserma per l’identificazione di cinque soggetti notati aggirarsi con fare sospetto a Torre Annunziata.

Durante le operazioni è stata data esecuzione a due ordini restrittivi e sono stati arrestati Iulian Daniel Ciobanu, un rumeno 27enne già noto alle forze dell’ordine domiciliato ad Ottaviano che era sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria poiché giudicabile per ricettazione e aveva più volte violato gli obblighi. Adesso è stato raggiunto da un’ordinanza di aggravamento di misura cautelare emessa dal tribunale di Nola e sottoposto ai domiciliari.

Arrestato su ordine della magistratura anche Francesco Civale, 54 anni, residente a Torre Annunziata in via Muzzio Tuttavilla e già noto alle forze dell’ordine, raggiunto da un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Torre Annunziata (dovrà espiare 2 anni di reclusione per calunnia ed è stato tradotto a Poggioreale).

Arresto in flagranza di reato per furto aggravato e continuato di energia elettrica, invece, per una coppia di poggiomarino, S. C. e A. A., 30 e 49 anni, già noti alle forze dell’ordine. I militari dell’arma hanno fatto irruzione nella loro casa in via Vittorio Emanuele e sorpreso il figlio della signora in possesso di 11 grammi di hashish che aveva frettolosamente nascosto nella biancheria intima pensando di non essere scoperto.

Poi, proseguendo i controlli, altra scoperta: per evitare la registrazione dei consumi di energia i due avevano tagliato i fili a monte del contatore e li avevano uniti dopo.

Arrestati, sono stati sottoposti ai domiciliari, il figlio è stato denunciato in stato di libertà.

A Pimonte arrestato per resistenza a pubblici ufficiali Di Somma Giuseppe, 29 anni, residente a Pimonte e già noto alle forze dell’ordine, in stato di ebbrezza si è avvicinato a piedi a un posto di controllo in piazza Casa Cuomo e ha opposto resistenza ai militari dell’arma che cercavano di bloccarlo per l’identificazione.

I controlli alla circolazione stradale eseguiti contemporaneamente hanno portato a numerose contestazioni di violazioni al codice della strada, alla sottoposizione di 5 veicoli a fermo amministrativo e al ritiro di 4 carte di circolazione e al fermo amministrativo di 4 scooter con i conducenti che circolavano senza il casco.

Denuncia in stato di libertà per 5 cittadini che circolavano su auto o scooter senza aver conseguito la patente, di un giovane sorpreso alla guida in stato di ebbrezza e di una persona che continuava a usare la sua auto sebbene fosse sottoposta a sequestro amministrativo. Denunciati per ricettazione anche due giovani sorpresi in sella a una “vespa” rubata.

Segnalati al prefetto 3 assuntori di droga e sequestrati a carico di ignoti 205 grammi di marijuana rinvenuti in sottoscala condominiale nel Rione Savorito a Castellammare.