arresto-poliziaIeri sera, gli agenti di polizia dell’ufficio Prevenzione Generale hanno arrestato il 34enne Carmine Nesi del quartiere Pendino. L’uomo è indagato per i reati di tentata rapina, lesioni personali aggravate ed evasione dagli arresti domiciliari.
I fatti si riferiscono allo scorso 11 novembre quando Nesi, in sella ad un ciclomotore, verso le 7 del mattino aveva tentato di rapinare una donna nei pressi di piazza Bovio. L’aveva sorpresa alle spalle e con una mossa fulminea aveva afferrato la borsa della vittima. La donna ha opposto resistenza ed è stata trascinata e scaraventata al suolo ma allo stesso tempo è riuscita ad impedire la rapina. La donna è stata poi trasportata in ospedale dove al Pronto Soccorso i sanitari l’hanno medicata e giudicata guaribile in 30 giorni a causa di un trauma cranico, una contusione al torace e la frattura della clavicola destra.
Nesi era a volto scoperto e per gli investigatori della polizia non è stato quindi difficile risalire, anche grazie alle numerose testimonianze, alla sua identità. Il 34enne era infatti già noto per i suoi precedenti penali e numerosi precedenti di polizia. Nesi era attualmente agli arresti domiciliari per ricettazione ed aveva ottenuto il permesso di assentarsi da casa due ore al giorno per svolgere attività di volontariato.
Ieri sera i poliziotti l’hanno rintracciato presso la sua abitazione, l’hanno arrestato e subito dopo condotto alla casa circondariale di Poggioreale.