pompeiPresente alla Borsa Internazionale del Turismo nello stand della Regione Campania, la città degli scavi ha incassato un gran numero di visitatori e consensi. A guidare la delegazione, il primo cittadino Ferdinando Uliano e il Presidente del Consiglio Alberto Robetti  che in questi primi due giorni ha già avuto modo di incontrare numerosi giornalisti, operatori del settore turistico nonché esponenti istituzionali. Molto proficuo anche l’incontro tra il sindaco Uliano e il ministro ai Beni Culturali,  Dario Franceschini con il quale il primo cittadino ha affrontato diverse tematiche: in testa, il potenziamento della rete di accoglienza locale. Massima la sinergia e l’intesa dei due, al lavoro, di concerto, per il rilancio cittadino.  

“Incremento delle politiche culturali e riqualificazione del territorio sono i punti su cui si articolerà il rilancio della città di Pompei” ha spiegato il sindaco Uliano ai presenti, illustrando, anche l’offerta culturale per la stagione estiva che si sta allestendo in città. Grandi eventi, concerti, mostre, rivisitazioni storiche, workshop e laboratori per i bambini, sono solo alcune delle manifestazioni in via di definizione. Un cartellone articolato che verrà presentato all’intera città una volta stabilito anche il calendario.

Rispetto agli anni precedenti, la presenza della città di Pompei ha comportato, quest’anno, un minor impegno economico da parte dell’Ente a fronte, però, di un feedback superiore.

Entusiasta anche il presidente del Consiglio per il quale “questo tipo di convention rappresentano un terreno privilegiato per incrociare domanda e offerta turistica. La nostra partecipazione diretta alla Borsa del turismo cui ha consento di stringere già una serie di rapporti e accordi che arriveranno a compimento in un futuro molto prossimo”.

“Sono contento di essere venuto a rappresentare personalmente la mia città – ha affermato il sindaco Uliano – Stiamo attuando una vera e propria rivoluzione culturale. Pompei non è solo la città degli scavi, ma anche la città della cultura, dell’accoglienza e della pace. Non a caso la facciata del Santuario Pontificio, dedicato alla Madonna del Rosario, è il primo monumento al mondo ad essere elevato alla Pace Universale. La nostra città sta cambiando e continuerà a farlo per essere sempre più all’altezza del proprio nome e delle aspettative sia dei turisti che dei cittadini”.