“Il dilagare delle ludopatie (patologie legate alla dipendenza da gioco) è un grave fenomeno sociale che colpisce direttamente numerosi individui e coinvolge indirettamente le famiglie e la comunità. Un problema rilevante per le implicazioni economiche, giuridiche ed etiche che comporta. A tal proposito, mercoledì 13 marzo alle 11 nell’aula consiliare “Falcone e Borsellino” di Palazzo Farnese verrà presentato il progetto “I giocolieri del tempo”, attivato dall’assessorato alle politiche sociali e dall’Ambito 27. Si tratta di un’importante iniziativa per prevenire e contrastare le dipendenza da gioco, da internet e dai social, capaci di destabilizzare sia singoli individui che interi nuclei familiari”. Così Antonella Esposito, assessore alle politiche sociali del Comune di Castellammare di Stabia.

“Il progetto – prosegue l’assessore Esposito – si avvale di azioni di intervento concreto sul territorio con iniziative di informazione e coinvolgimento dei giovani e delle famiglie, con l’attivazione dei sportelli di ascolto e interventi terapeutici. La partecipazione delle scuole rappresenterà l’occasione per conoscere il fenomeno delle ludopatie e le azioni da avviare per superare il problema. Alle scuole, infatti, è stato affidato il compito di discutere del fenomeno e di indicare in un elaborato la loro percezione ed anche gli interventi che, dalla loro prospettiva, debbono essere attivati per migliorare l’azione di contrasto. Lo sforzo è stato rivolto alla costruzione di una comunità inclusiva, solidale ed educante, come contrapposizione al degrado dell’isolamento e della solitudine che spesso degenerano in patologie. Gli elaborati degli studenti forniranno l’opportunità per riflettere su tutti gli aspetti della vita: promozione della storia e cultura locale, famiglia, ambiente, nuovi stili di vita, dialogo fra generazioni, sport e movimento”.