Con una battuta Tonino Scala ha risposto ai salviniani che nei giorni scorsi avevano definito la manifestazione promossa da Liberi e Uguali “una provocazione”. Ieri sera in villa comunale a Castellammare un flash mob anti-razzista fatto di abbracci. “Ogni uomo è mio fratello”, il titolo scelto dagli organizzatori di LeU per rimarcare la presa di distanza dalle “prima battute della politica del ministro degli Interni Salvini”. Nella cittadina stabiese, ex roccaforte rossa, alle ultime comunali ha dominato il centrodestra di Gaetano Cimmino.

“Se la politica italiana e mondiale va a destra, affermando con brutalità la supremazia dei paesi ricchi verso quelli poveri, allora noi sentiamo sempre più forte l’esigenza di consolidare i valori di sinistra.  Che sono accoglienza, solidarietà, aiuto”, le parole di Tonino Scala che ha ricordato i tempi in cui “gli altri” erano gli italiani.