Abusivismo edilizio, firmato il protocollo tra Procura Generale di Napoli ed Ente Parco Nazionale del Vesuvio

1201
  • Lavela
  • Faiella
  • bcp
  • un click per il sarno
  • serigraph
  • tvcity promo
  • Miramare
  • Santa Maria la bruna

Contrasto all’abusivismo edilizio, firmato il protocollo tra procura generale di Napoli ed ente parco nazionale del Vesuvio pronto a finanziare le opere di abbattimento.

L’atto ha per oggetto le demolizioni degli immobili abusivi realizzati nel territorio dell’ente parco e di competenza dell’autorità giudiziaria.

Al tavolo il procuratore generale Luigi Riello, l’avvocato generale Antonio Gialanella, il procuratore Giovanni Melillo, il suo delegato e capo dell’ufficio demolizioni Nunzio Fragliasso, il presidente dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio Agostino Casillo e il direttore Stefano Donati. Per Torre Annunziata era presente il procuratore Filippelli.

Attraverso il protocollo l’Ente Parco ha deciso di concretizzare ancor di più la sua azione amministrativa di tutela del territorio anche tramite la scelta di attuare la legislazione che consente all’ente di finanziare le attività giudiziarie della procura generale e delle procure locali e le attività funzionali a dare esecuzione alle sentenze definitive di demolizione degli immobili illeciti e frutto della speculazione – dicono dalla Procura – che “sfigura il volto del territorio”.

Con la firma di ieri, l’ente parco del Vesuvio si pone – primo fra tutti gli enti della stessa natura – al fianco del ministero della Giustizia e della Cassa depositi e prestiti nell’opera di finanziamento delle attività giudiziarie di demolizione.

Soddisfazione da parte della Procura Generale che parla di una “sinergia tra l’autorità giudiziarie e l’ente parco tale da creare nuove prospettive nella tutela del prezioso territorio di elezioni affidato all’ente, territorio oggetto dell’aggressione pluridecennale dell’abusivismo edilizio”.