Abusivopoli a Torre del Greco, c’è la prescrizione per l’ex sindaco

288

Abusivopoli a Torre del Greco. Udienza in cassazione ieri per l’ex sindaco Ciro Borriello per lo scandalo legato ai favori per manomettere verbali e che travolse – otto anni fa – anche vigili e tecnici comunali della città del corallo.
In primo grado l’ex primo cittadino – che attualmente è anche a processo per l’inchiesta monnezzopoli – fu assolto. Poi in secondo grado arrivò invece la condanna a un anno.
I difensori hanno chiesto l’estinzione di alcuni reati (falso e abuso edilizio) per prescrizione.
La procura generale ha accolto favorevolmente il ricorso e nelle scorse ore la Cassazione ha chiuso la vicenda in senso positivo per Ciro Borriello, dichiarando prescritti i reati contestati al medico.
Per cui per la vicenda del giro di tangenti e favori per chiudere un occhio sugli abusi edilizi il chirurgo di via Del Monte può tirare un sospiro di sollievo.
Niente prescrizione invece per gli altri reati – tra cui la corruzione – in relazione al quale rischiano la reclusione quattro degli imputati, due tecnici e due ex vigili urbani. Come anche altri imputati con situazioni più articolate.
La Corte di Cassazione deve pronunciarsi sui ricorsi.