pompei-300x154I carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno predisposto servizi di pattuglie in auto, a piedi ed in abiti borghesi, oltre che ispezioni nei siti d’interesse artistico del capoluogo e della provincia, volti a garantire la sicurezza in luoghi ritenuti sensibili. Vigilanza a Palazzo Reale e Piazza Plebiscito predisposta dalla compagnia Napoli Centro. Il museo e il bosco di Capodimonte, la Certosa di San Martino e il suggestivo Castel Sant’Elmo vedono la presenza di pattuglie automontate e a piedi dei carabinieri della compagnia Vomero supportati dalla compagnia d’intervento operativo del reggimento Campania, impegnati sia all’esterno che all’interno dei siti. Pattuglie di carabinieri a piedi della compagnia Napoli Stella nel Museo del tesoro di San Gennaro, Museo madre d’arte moderna e Museo archeologico nazionale. Massima l’attenzione anche sugli scavi di Pompei e Ercolano. Il sito di Pompei, oggetto di visite nonostante la forte pioggia, viene controllato dai carabinieri della compagnia oplontina mediante ispezioni personali e ai bagagli, con il supporto fondamentale della unità cinofile anti esplosivo e antidroga del nucleo carabinieri di Sarno. Il tutto corroborato da servizi antiscippo e borseggio svolti da militari in abiti borghesi. Presso gli scavi di Ercolano invece i carabinieri della Compagnia di Torre Del Greco vigilano il perimetro esterno con le autoradio e l’interno del sito mediante l’impiego di pattuglie di militari a piedi. Sulla città e siti aperti è stato garantito anche il supporto aereo con elicotteri dell’arma del Nucleo di Pontecagnano.