consiglio regionale

Definiti gli interventi diretti al rispetto della dignità individuale, alla valorizzazione delle diversità e al contrasto di tutte le discriminazioni, con iniziative dedicate sia ai soggetti coinvolti sia al personale scolastico e agli educatori.

Stabilita anche la “Settimana regionale contro il bullismo ed il cyberbullismo”, che include il 7 febbraio, e istituito il Comitato regionale per la lotta al fenomeno, con un fondo per prevenzione e contrasto pari a duecentomila euro.

Sono questi i punti salienti delle “Disposizioni per la prevenzione ed il contrasto dei fenomeni di bullismo e del cyberbullismo nella Regione Campania”, approvate all’unanimità con 45 voti favorevoli dal Consiglio Regionale della Campania, presieduto da Rosa D’Amelio.

Tutte le forze politiche coinvolte hanno condiviso la crescente preoccupazione verso un fenomeno sempre più diffuso, grazie soprattutto al web e ai social network, definito come una vera “emergenza sociale” dal capogruppo di De Luca Presidente, Carmine De Pascale. “La sollecitazione ad approvare una legge contro il bullismo e il cyberbullismo proviene da numerosi studenti che hanno partecipato al progetto Ragazzi in Aula” ha evidenziato la presidente D’Amelio.

Parole di soddisfazione anche quelle del consigliere Luigi Cirillo (M5S), il quale auspica un deciso impegno da parte della Giunta anche dal punto di vista economico, e degli altri esponenti presenti, ricordando con rammarico il recente suicidio di Tiziana Cantone, suo malgrado vittima di sciacallaggio mediatico quando il fenomeno di cyberbullismo non era ancora visto con tale preoccupazione.

Di seguito un’intervista a Tommaso Amabile, consigliere Pd, presidente della sesta commissione consiliare ‘Politiche sociali’ su Legge sul contrasto al fenomeno del bullismo e del cyberbullismo a cura del gruppo regionale del PD in Regione Campania.