Approvazione del bilancio a Torre del Greco, l’opposizione attacca: “Intervenga il Prefetto” – INTERVISTE

581

Torre del Greco, sei consiglieri dell’opposizione scrivono al Prefetto chiedendo di intervenire in merito all’approvazione dei bilancio.

Hanno parlato di “grave violazione che si è verificata nella seduta dell’11 marzo in ordine all’approvazione degli atti concernenti il documento contabile dell’Ente”. Lo hanno messo nero su bianco, inviando una lettera al Prefetto di Napoli e descrivendo quanto accaduto in aula.

“Attraverso forzature procedimentali”, hanno spiegato, “sono state palesemente violate le prerogative proprie dei consiglieri comunali mettendoli in condizione di non poter esprimere il proprio voto, in quando a più riprese venivano approvati atti consiliari dichiarati propedeutici all’approvazione del bilancio”.

Tre le delibere in particolare che secondo gli esponenti dell’opposizione “avrebbero di fatto stravolto la delibera 23 del 31.01.2019 Bilancio di previsione 2019-2021 Approvazione Schema rispetto al testo esaminato in commissione”.

Da qui la richiesta nel corso della seduta – da parte del consigliere Salerno – di rinvio in commissione. “L’unica” – hanno scritto Romina Stilo, Valerio Ciavolino, Aniello Formisano, Vincenzo Salerno, Santa Borriello e Alessandra Tabernacolo – “che sanava le lesioni delle prerogative dei singoli consiglieri comunali”.

Al Prefetto hanno chiesto quindi di intervenire “acquisendo il verbale della seduta consiliare al fine di verificare quanto rappresentato, e laddove dovesse riscontrare violazioni delle prerogative del consigliere comunale, intervenendo per reprimere palese ipotesi di mal costume istituzionale in una città alla ribalta della cronaca per vicende relative a una delicata indagine sul voto di scambio in corso presso la procura della Repubblica di Torre Annunziata”.

Nel TG di domani l’approfondimento.