Una Torrese rimaneggiata incappa in una sconfitta nella trasferta di Ischia.

Una ventesima giornata del Girone B del Campionato Promozione amara per la squadra di Torre del Greco, presentatasi sull’isola verde con una media età molto bassa e lo spirito combattivo di sempre.

Mister Manzo deve fare i conti con le pesanti assenze per squalifica di Fontana e La Pietra, oltre al forfait di Scala. Il tecnico corallino manda in campo una giovane linea difensiva composta da Bellofiore, Oliva, Lauro e Gaglione. Attacco con Cardenio e Borriello.
La verve degli under mette paura in fase iniziale ai padroni di casa, ma alla mezz’ora di gioco cede il passo al gran gol di Vitagliano.
Il n.10 dell’Ischia trova un gran tiro di controbalzo e buca la porta di Saggese.

Passano solo otto minuti, e al 40° l’Ischia raddoppia.
Sugli sviluppi di un calcio d’angolo è Rubino che trova la via del gol e fissa il risultato sul 2-0.

Nella ripresa la gara potrebbe cambiare al quarto d’ora di gioco, quando l’isolano Sirabella si vede sventolare in faccia il cartellino rosso.
Manzo prova a mischiare le carte in tavola. Entrano gli under Caso, Iovine, Gaviglia e Battipaglia per Oliva, Gaglione, Tammaro e Cardenio.
I cambi non aiutano però la Torrese, che all’81esimo subisce anche il tris ad opera di Trani.
La rete della bandiera ospite arriva invece in pieno recupero e porta la firma di Caso.
Troppo poco per la giovane Torrese, che a fine partita esce comunque tra gli applausi della tifoseria di casa principalmente rivolti a mister Manzo, ex giocatore gialloblu.

“Siamo scesi in campo con grande determinazione – il commento a fine gara di Iovine – e con gran voglia di vincere. Eravamo consapevoli di affrontare una delle squadre più forti del campionato. Purtroppo abbiamo sprecato tante occasioni da gol. Dobbiamo lavorare ancora tanto, c’è rammarico per il risultato.”

“E’ stata una partita molto combattuta – racconta Gaviglia – per merito e bravura di entrambe le squadre. Peccato per il risultato. Personalmente ho cercato di dare il massimo e spero di poter fare meglio per me e per la squadra.”