reg Affluenza in calo in Campania. Alle ore 23 ha votato per le regionali il 51,9% degli elettori, in calo di 11 punti rispetto alle precedenti omologhe (62,5%) quando si votò in due giorni. A Napoli città ha votato il 40,7% degli aventi diritto. A Torre del Greco alle ore 19:00, l’affluenza alle urne è stata del  30,96%. Il dato registra un incremento dell’affluenza rilevata in occasione delle elezioni regionali del 2010 (si votava però anche il lunedì), quando alla stessa ora votarono il 23,01% degli aventi diritto mentre in Campania, alla stessa ora, l’affluenza alle urne fu del 29,36%. Complice la partita e la giornata calda senza contare la disaffezione alla politica, il dato è significativo. A Napoli, 6 su 10 sono rimasti a casa. Un record negativo che fa riflettere. A Salerno città, feudo incontrastato di Vincenzo De Luca, l’affluenza si è mantenuta, nella giornata, sotto la media. La tendenza si è ribaltata di sera, contrariamente a Napoli, dove l’affluenza è diminuita ulteriormente. In provincia di Napoli la partecipazione al voto è stata più consistente nei comuni chiamati ad eleggere il sindaco, ma comunque in calo rispetto alla precedente tornata per il municipio. Ventisette in totale, quindici al di sopra dei 15mila abitanti, i Comuni chiamati alle urne anche per il sindaco. Il record di partecipazione al voto (89,17% regionali, 89,13% comunali) spetta a Casola, ultime le isole; percentuali basse anche a Torre Annunziata.