La Turris si ferma a Messina. Si interrompe in Sicilia la rincorsa alla vetta e si ferma a dieci la striscia di risultati utili consecutivi: dopo otto vittorie e due pareggi, infatti, i corallini escono sconfitti di misura (1-0) dal “Franco Scoglio”, battuti dal Città di Messina.

Una frenata che permette al Bari, vittorioso (0-3) a Portici, di andare in fuga portando a nove le distanze da una Turris che fino a questo momento era stata l’unica a tenere il passo della corazzata pugliese. A differenza dell’undici vittorioso a valanga con il Gela sette giorni prima, Fabiano doveva fare a meno di Auriemma: al suo posto, in difesa, Marino. La prima occasione della gara capitava al 4’ a Celiento con un tiro che finiva alto sulla traversa. Un minuto dopo, ci provava Longo (servito da Aliperta), Paterniti respingeva. All’11’, però, era il Città di Messina a passare in vantaggio con Cangemi che, sugli sviluppi di una punizione battuta da Calcagno, si avventava prima di tutti sulla palla e batteva D’Inverno. I corallini provavano a reagire allo svantaggio, ma erano troppo poco incisivi per impensierire Paterniti; i siciliani si difendevano con ordine e riuscivano a mantenere il vantaggio fino alla fine del primo tempo.

Ad inizio ripresa, la Turris chiedeva il penalty per uno scontro Longo-Paterniti in area di rigore (attimi di apprensione per l’attaccante corallino che nell’impatto con il numero uno siciliano aveva la peggio). Al 14’ Celiento serviva Vacca che ci provava, Paterniti bloccava; poi, al 19’, ci provava Longo di testa, palla fuori. La Turris aveva bisogno di accendersi e Fabiano cambiava qualcosa nel tridente d’attacco giocandosi la carta Cunzi al posto di Celiento. Poi dentro Riccio per Lagnena e Formisano per Esempio. I corallini insistevano e cercavano a tutti i costi il pareggio (dentro anche Guarracino al posto di Addessi): al 40’ Guarracino provava ad emulare le gesta di bomber Longo contro il Castrovillari, ma la bella rovesciata non aveva la stessa sorte. I corallini fino alla fine provavano a pareggiarla e nel settimo minuto di recupero l’ultima occasione capitava a Cunzi la cui conclusione era respinta da Paterniti.

Prima sconfitta per la Turris di Fabiano, ma mercoledì si torna di nuovo in campo nel turno infrasettimanale: i corallini ospiteranno al “Liguori” la Palmese.

Andrea Liguoro