Si è conclusa con la scelta della Buttol la manifestazione di interesse indetta dal comune di Torre del Greco per uscire dall’impasse rifiuti.
Termina così finalmente l’epopea dell’affidamento del servizio nu ad una nuova ditta di raccolta rifiuti, dopo che alla Gema era stato revocato anticipatamente l’appalto per gli scarsi risultati ottenuti negli scorsi mesi.
Il sindaco di Torre del Greco, Giovanni Palomba, ha così firmato nella giornata di ieri l’ordinanza secondo cui il servizio di raccolta rifiuti viene affidato per la durata di sei mesi alla Buttol, con sede a Sarno, che già opera sul territorio della vicina città di Ercolano e anche nel comune di Gragnano.
La nuova ditta avrà sette giorni per avviare il servizio. I cittadini sperano che l’emergenza rifiuti che ha attanagliato Torre del Greco per mesi possa finalmente risolversi quanto prima. Prossimo passo sarà l’avvio del porta a porta. In sostanza, la Buttol dovrà traghettare la città del corallo verso il nuovo bando europeo che il comune sta predisponendo con l’addio al sistema degli ecopunti. Certo sei mesi non sono tanti per provare a cambiare rotta, visti i livelli bassissimi di raccolta differenziata ormai ai minimi storici.
Nell’ordinanza si ripercorre l’intero iter della vicenda rifiuti fatta di ricorsi al Tar, di provvedimenti dirigenziali e di manifestazioni di interesse, sottolineando come “sussista la necessità di assicurare con assoluta urgenza il ripristino e il mantenimento delle condizioni ordinarie di igiene e sanità pubbliche”.