Caos rifiuti, primo step verso il nuovo bando di gara da 42 milioni. Intanto le mamme preparano un nuovo corteo

525

Emergenza rifiuti a Torre del Greco. Anche le mamme si mobilitano per dire basta al caos spazzatura che va avanti da mesi. Intanto, non si è ancora sbloccato lo stallo per il passaggio di cantiere (la Buttol ha convocato i sindacati per martedì 26 marzo) con il Consorzio Gema che resterà in servizio fino a quando non saranno sciolti i nodi per le assunzioni in Buttol, la ditta che dovrebbe subentrare per la gestione temporanea della raccolta fino al nuovo bando. 

Bando che potrebbe essere pronto a breve. Nelle previsioni dell’amministrazione, entro il 5 aprile.

Il nuovo piano di raccolta approvato prevede il ritorno al porta a porta. Il primo step per la definizione della gara è arrivato alla fine della scorsa settimana con la determina a contrarre che ha definito il valore economico, il sistema di gara e il criterio di aggiudicazione del bando di gara che verrà indetto e – per l’aggiudicazione – utilizzerà il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Il servizio di raccolta verrà affidato per la durata di cinque anni e l’importo a base d’appalto è di oltre 42 milioni. Annualmente la spesa sarà di 9 milioni e 300mila euro circa. Bando e disciplinare di gara saranno ora redatti dalla centrale unica di committenza.

Sul fronte della quotidianità la città è ancora in sofferenza, in alcuni punti i cumuli sono stati raccolti, in altri resta la sporcizia.

Un gruppo di mamme via social ha annunciato “una manifestazione pacifica che partirà venerdì 29 marzo alle 8:30 dalla scuola media Giampietro-Romano”. Da via Nazionale il corteo attraverserà via Purgatorio, piazza Palomba fino ad raggiungere poi Palazzo Baronale.

 

Di seguito il link dell’articolo relativo al nuovo piano rifiuti approvato a dicembre:

Porta a porta, 5 centri di raccolta comunali e città divisa in due ambiti operativi – I dettagli del nuovo piano rifiuti a Torre del Greco