Castellammare, imprenditori pronti ad investire nelle Terme di Stabia

122

Sei proposte per il rilancio delle Terme di Stabia a Castellammare, vittima di decenni di incuria e abbandono.

Allo scadere dell’avviso esplorativo lanciato dalla Sint hanno risposto diversi imprenditori pronti ad investire nello stabilimento del Solaro. “I risultati ci danno ragione, dopo i ripetuti flop delle passate amministrazioni”, la soddisfazione nelle parole del sindaco Gaetano Cimmino, “un rinnovato entusiasmo cresce intorno alla città di Castellammare di Stabia. Gli imprenditori hanno voglia di investire e di proporre progetti validi per il nostro territorio”.

Le singole procedure per la gestione dei beni saranno condivise con il Comune, socio unico di Sint, che detterà i confini in merito al perseguimento dell’interesse pubblico e alla valutazione relativa alle garanzie di destinazione d’uso e di crescita occupazionale delle nuove Terme.

“Da questo risultato ripartiamo per dare inizio alla rinascita del complesso del Solaro, condividendo il percorso con i cittadini e le forze politiche, con cui abbiamo già intavolato la discussione con un consiglio comunale e tre conferenze capigruppo ad hoc e continueremo a dialogare in occasione di un altro consiglio comunale che si terrà a breve e sarà incentrato esclusivamente su Sint”, ha concluso il sindaco di Castellammare.

A fronte delle numerose richieste pervenute da parte di privati e della ristrettezza dei tempi per presentare le proposte, inoltre, l’amministrazione sta valutando l’opportunità di estendere i termini dell’avviso esplorativo, in modo tale da poter disporre di una gamma di proposte possibilmente ancora più ampia in vista delle procedure selettive da avviare nella fase successiva.

Le Terme di Stabia negli anni d’oro. La foto postata dal sindaco Cimmino