Castellammare: mesi di intimidazioni a commercianti e imprenditori, tre estorsori arrestati dalla polizia

134
  • Lavela
  • Miramare
  • tvcity promo
  • Santa Maria la bruna
  • serigraph
  • un click per il sarno
  • Faiella
  • bcp

Estorsione pluriaggravata dal metodo mafioso. E’ l’accusa rivolta a tre uomini arrestati nel pomeriggio di ieri dalla polizia di Castellammare di Stabia.

I tre soggetti, già noti alle forze dell’ordine per reati contro il patrimonio e per detenzione di stupefacenti, sono ritenuti responsabili di estorsione ai danni di alcuni imprenditori della città stabiese. Le indagini degli investigatori hanno consentito di ricostruire mesi di intimidazioni e atteggiamenti violenti, che hanno provocato nelle vittime paura e angoscia.

Nonostante il clima di omertà venutosi a creare, la capillare ricerca svolta dagli inquirenti, coadiuvati da moderni sistemi in dotazione alla Polizia Scientifica, nonché appostamenti e pedinamenti, hanno consentito di dimostrare le oggettive responsabilità dei tre uomini.

I destinatari dell’ordinanza cautelare, Antonio Maragas, 51enne, il figlio Giuseppe, 29enne, e Giovanni Battista Lambiase Grimaldi, 53enne, hanno agito in particolare nei pressi di via Napoli, zona sotto l’influenza di uno dei clan camorristici più pericolosi dell’intera provincia.

I tre sono stati trasferiti nella casa di reclusione di Napoli Secondigliano.