Eliminare gli scarichi abusivi in mare a Castellammare per migliorare la qualità dell’acqua, senza tuttavia gravare sulle tasche dei cittadini che abitano nei condomini che sversano in mare le acque reflue domestiche e che sono costretti a finanziare l’eliminazione e l’allaccio alla rete fognaria.

Nella giornata di ieri si è tenuto un tavolo tecnico a cui hanno partecipato anche Gori e il presidente dell’Ente Idrico Campano, allo scopo di trovare soluzioni mirate ad ammortizzare al massimo i costi per i condomini e i tempi tecnici degli interventi. L’ufficio tecnico ha approntato un censimento di tutti gli scarichi abusivi in città, con relative ordinanze per l’eliminazione degli stessi, di concerto con l’assessorato al ramo.

E il tavolo permanente istituito con Eic e Gori ha già previsto svariati tavoli tecnici mirati alla risoluzione del problema. Nella giornata di ieri è stata affrontata la questione tecnica legata al rivo Cannetiello, mentre per il rivo San Marco si terrà un nuovo incontro con i sindaci dei Comuni dei Monti Lattari.

“L’eliminazione degli scarichi rappresenta un requisito essenziale per raggiungere l’obiettivo della balneabilità del tratto di costa, un traguardo di fondamentale importanza per la valorizzazione e la crescita del nostro territorio”, ha detto il sindaco Gaetano Cimmino.