ercolano_2Un appello a candidati ed elettori affinché tengano presenti i principi di legalità e giustizia: lo lanciano i sacerdoti di Ercolano in vista delle amministrative del 31 maggio. In una nota i preti dicono di ispirarsi al principio di Papa Francesco (“Chi governa deve farlo con umiltà e amore, caratteristiche indispensabili. E i cittadini, soprattutto se cattolici, non possono disinteressarsi della politica”) e tracciano le priorità da tenere a mente: la situazione di estrema povertà di tante famiglie, la disoccupazione di padri, madri e giovani, l’evasione scolastica. E ancora: la grave situazione di inquinamento ambientale per l’interramento di rifiuti tossici e di inquinamento elettromagnetico, la tutela ‘assolutamente necessaria’ dei beni comuni e il contrasto al gioco d’azzardo. Su tutto dovranno primeggiare i temi riguardanti la pace, la giustizia, la lotta alla camorra e l’amore per la citta’ “come comunita’ civile e per i suoi beni (Scavi, Museo Archeologico Virtuale, Parco Nazionale del Vesuvio, Ville) da custodire come casa nostra”. ‘Onesta”, ‘coscienza’ e ‘trasparenza’ sono i punti cardine che dovranno orientare le condotte di elettori e candidati evitando ‘false promesse’ e ‘manipolazioni’.