Comuni al voto tra colpi di scena e riconferme, da Sant’Antonio Abate a Trecase

137
  • Santa Maria la bruna
  • Faiella
  • Lavela
  • un click per il sarno
  • bcp
  • serigraph
  • tvcity promo
  • Miramare

Tanti i cittadini chiamati al voto domenica scorsa anche per le elezioni amministrative.
Tra conferme e colpi di scena, si sono delineati i nuovi consigli comunali e sono stati scelti i sindaci in molti comuni delle province di Napoli e Salerno.
Partiamo dalle novità con il comune di Sant’Antonio Abate che per le prima volta nella storia ha eletto un sindaco donna. Vittoria per Ilaria Abagnale con il 55,36% delle preferenze, la giovane imprenditrice ha battuto l’ex sindaco D’Auria e lo sfidante D’Aniello.

Restando nella zona dei Monti Lattari, a Casola ha vinto il fratello dell’ex sindaco. Costantino Peccerillo con il 56,5%.

Ha sfiorato l’80% invece il primo cittadino uscente di Santa Maria la Carità Giosuè D’Amora pronto per il secondo mandato.

A Trecase invece è stato riconfermato sindaco l’uscente Raffaele De Luca con il 59,9% dei voti. Circa mille voti di distacco dallo sfidante Gerardo Grieco.

Conferma anche per il comune di Meta, in penisola sorrentina, dove Giuseppe Tito ha ottenuto un vero e proprio plebiscito con il 77,5% delle preferenze. “Ha vinto il popolo”, le parole del sindaco, “i metesi hanno votato per dare continuità a un progetto amministrativo e a un metodo politico che, nel corso degli ultimi cinque anni, si sono rivelati vincenti”.

Spostandosi nel salernitano tra i comuni al voto anche Scafati dove sarà ballottaggio tra Cristoforo Salvati area centrodestra al 28,2 e Michele Russo al 21, 2% del centrosinistra. Resta indietro invece il candidato espressione dell’area legata all’ex sindaco Aliberti.

A Pagani l’ex sindaco Alberico Gambino – oggi consigliere regionale – ha ottenuto circa il 49% delle preferenze in lizza con il centrodestra e per un pugno di voti va verso il ballottaggio con Salvatore Bottone al 25,8% di area centrosinistra.