Si dovrà attendere il mese di luglio per conoscere il destino dei cinque armatori coinvolti nel procedimento penale relativo al fallimento della compagnia armatoriale di Torre del Greco Deiulemar.

All’alba molti risparmiatori torresi sono partiti per assistere all’udienza a Roma, sperando di poter vedere la fine del capitolo penale di una vicenda che tiene la città in tensione da ormai sette anni.

Nell’udienza di oggi il lungo e duro intervento del procuratore generale che nel corso della requisitoria ha parlato di “condotte dissipatore”.

Tuttavia per conoscere le decisioni sulle condanne agli armatori bisognerà attendere la prossima udienza fissata il 4 luglio, data in cui interverranno gli avvocati difensori.