IMG-20150424-WA0001 (2)I carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania hanno effettuato un servizio ad alto impatto sul territorio traendo in arresto 5 persone: 3 in flagranza mentre stavano spacciando droga nel rione 219 a Melito di Napoli, una raggiunta nella sua casa di Villaricca da un ordine di carcerazione e una, la quinta, bloccata a Mugnano di Napoli mentre stava cercando di sfondare la porta d’ingresso per entrare nella casa della ex moglie.
Nel corso delle operazioni che hanno portato agli arresti di Melito è stato scoperto un nuovo modo per nascondere la droga in area condominiale, in un contatore del gas.
Su tutto il giuglianese sono state invece denunciate in stato di libertà 11 persone: 3 per contrabbando di sigarette su strada e 8 perchè sorprese a condurre veicoli o scooter senza aver mai conseguito la patente.
In dettaglio, nel rione 219 di Melito di Napoli i militari dell’arma hanno arrestato in flagranza Tedesco Gennaro Arena, 20 anni, residente a Giugliano in Campania in via Bosco a Casacelle, Mariano Nazzaro, 19enne, residente a Melito di Napoli in via Lisbona e Gennaro Casoria, 43 anni, residente a Giugliano in Campania in via Bosco a Casacelle, tutti già noti alle forze dell’ordine.
I 3 sono stati bloccati su via Lussemburgo mentre partecipavano ad attività di spaccio articolata anche con suddivisione dei ruoli: chi materialmente vendeva la roba, chi faceva la vedetta e chi era il custode del denaro ricavato dall’attività.
I carabinieri sono intervenuti dopo un servizio di osservazione rinvenendo in un contatore del gas svuotato di meccanismi e tubature per far posto alla “roba” 25 confezioni di marijuana e 2 stecchette di hashish.
In manette anche Vincenzo Costabile, 54 anni, residente a Villaricca su via della Libertà, già noto alle forze dell’ordine, raggiunto nella sua abitazione da un ordine di carcerazione emesso dalla Procura di Verona (dovrà espiare 3 anni di reclusione per falsità materiale e ricettazione commessi a Verona il 29.03.2010).
Infine, i militari hanno denunciato in stato di libertà su strada 3 soggetti sorpresi in distinte circostanze mentre detenevano ed esponevano in vendita la quantità complessiva di 3,2 chilogrammi di sigarette di contrabbando e 8 persone sorprese alla guida di veicoli o scooter senza aver conseguito la patente. I pusher sono in attesa di rito direttissimo. Costabile è stato tradotto a Poggioreale.
A Poggioreale è finito anche R.D., un 36enne di Mugnano di Napoli tratto in arresto dai carabinieri dell’aliquota radiomobile che l’hanno sorpreso mentre cercava di sfondare la porta di casa della sua ex moglie 34enne.
L’uomo è stato bloccato dai militari intervenuti d’urgenza su segnalazione con richiesta di aiuto pervenuta al 112. Alla donna i sanitari dell’ospedale San Giugliano hanno riscontrato uno stato di ansia, dimettendola con prognosi di due giorni.
A seguito di indagini eseguite per approfondire la situazione, i carabinieri hanno accertato che da circa un anno l’uomo perseguitava la ex con una serie di comportamenti tipici: pedinamenti e appostamenti per controllare i suoi contatti e le sue relazioni, molestie con il telefono e altri mezzi di comunicazione, violenza verbale e psicologica.