CARABINIERI TDG[5]_Public_Notizie_270_470_3Ferirono persone innocenti ed estranee alla faida di camorra in atto e individuate a caso come bersaglio dimostrativo di spietatezza e brutalità. E’ quanto scoperto nel corso delle indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli che hanno portato all’esecuzione di sei ordinanze di custodia cautelare nei confronti di affiliati e persone vicine al clan Ascione-Papale di Ercolano. I carabinieri della Compagnia di Torre del Greco hanno eseguito i provvedimenti restrittivi, emessi dal gip del tribunale partenopeo, per associazione di tipo mafioso, tentato omicidio e favoreggiamento personale aggravati da finalità mafiose. Sono stati così individuati mandanti ed esecutori di due tentativi di omicidio avvenuti nel 2009 a Ercolano per eliminare un affiliato al clan rivale dei Birra-Iacomino e acquisire il controllo delle attività illecite. Furono tre, invece, gli innocenti rimasti feriti dai killer che non avevano trovato i veri obiettivi del raid.