Un mare di solidarietà e condivisione. Si è svolta ieri sera, a bordo della nave Liburna della Toremar, ormeggiata nel porto Mediceo, la serata dedicata a “Il Porto dei piccoli”, ONLUS che ha l’obiettivo di creare spazi di divertimento per bambini e familiari che vivono la difficile esperienza della malattia e dell’ospedale, tramite una serie di attività ispirate al mare, al porto e alla natura, e che ogni anno garantisce migliaia di ore di servizio gratuito, vari operatori socio-psico-pedagogici occupati con l’ausilio di volontari formati, decine di unità medico-pediatriche coinvolte e migliaia di bambini seguiti, anche a domicilio.

L’evento è stato l’occasione per rivivere insieme le emozioni donate nel corso dell’anno a tutti i bambini che affrontano la malattia a Livorno, dove la ONLUS è presente dal 2005, e nei recenti nuovi poli dell’Elba, di Piombino, Lucca e Barga.

La Compagnia del Gruppo Onorato Armatori ha voluto in questo modo confermare il suo grande impegno per questa ONLUS, ospitando a bordo della Liburna una serata che ha visto partecipare tra gli altri anche il Direttore Marittimo della Toscana Giuseppe Tarzia, Pierpaolo Ribuffo, Comandante dell’Accademia Navale di Livorno, e Ignazio Messina, Presidente de Il Porto dei piccoli ONLUS.

Matteo Savelli, Ad di Toremar, dichiara: “Toremar, insieme a tutto il Gruppo Onorato Armatori, è orgogliosa di sostenere Il Porto dei piccoli, una ONLUS con cui abbiamo stretto da tempo un legame molto importante, che intendiamo mantenere e, se possibile, rafforzare nel prossimo futuro attraverso splendide iniziative come quella di ieri a bordo della nostra nave”.

Grazie a Moby e Toremar possiamo offrire il nostro servizio con continuità all’Isola d’Elba e anche in Sardegna, per condividere la nostra missione ed il nostro modo di operare, perché è importante diffondere ed insegnare un percorso, iniziato tredici anni fa, che è apprezzato dai medici e soprattutto dalle famiglie afferma Gloria Camurati, Direttrice Generale e fondatrice de Il Porto dei piccoli ONLUS  La presenza di tanti esponenti delle realtà del porto per noi è importante, a testimonianza della condivisione del nostro impegno di partire dall’ospedale per arrivare alle banchine dei porti e viceversa, offrendo grazie alla competenza dei nostri operatori la gioia e la serenità del mare”.