Vittoria sofferta per l’ASD Torrese contro il Santa Maria la Carità.
L’ottava giornata di campionato si dimostra più ardua del previsto, e al Liguori di Torre del Greco la squadra del patron Magliacano fatica ma porta a casa i tre punti.

Gara difficile fin dal primo tempo, quando la Torrese scende in campo con un 3-4-3 offensivo e l’intento di voler mantenere la prima posizione in classifica. Da parte sua il Santa Maria la Carità dimostra fin da subito ai padroni di casa la determinazione nel portar via da Torre del Greco qualche punto salvezza.

A complicare i piani torresi è Rivitti, che si vede sventolare in faccia il cartellino rosso sul punteggio di 0-0. In dieci uomini la Torrese trova però il vantaggio. La rete è di Andrea Ballarano, subentrato a gara in corso dopo uno stop forzato di oltre tre settimane. Prima della fine della gara ancora un’espulsione tra le fila dei padroni di casa. Stavolta è Cuomo a uscire anzitempo dal terreno di gioco, con la Torrese che chiude in 9 uomini, ma centra la sesta vittoria in campionato.

“Un gol era proprio quello che speravo – dice a fine gara Andrea Ballarano – ne avevo parlato prima della partita, avevo detto che sarebbe stato bello entrare dopo tre settimane ed andare in goal. Sono contentissimo per il risultato, un po’ meno per l’approccio alla partita. Ne abbiamo parlato tra di noi a fine gara e discusso di cosa dobbiamo migliorare. Siamo un gruppo favoloso”.

“Ci siamo fatti prendere dalla troppa foga di vincere – commenta Mario Borrelli – e nel primo tempo non abbiamo espresso il nostro gioco. Nella ripresa abbiamo ragionato da squadra e questo ci ha permesso di prendere i 3 punti. Sono contento per Andrea Ballarano, meritava questo gol. Siamo un grande gruppo oltre che una famiglia, continuiamo così”.

“Partita dura – è il parere di Luciano Nettuno – d’altronde siamo la capolista e insieme al primato ci dobbiamo prendere anche le responsabilità che nessuna squadra ci regalerà nulla. Oggi, come sempre, ha vinto il gruppo e non il singolo. Ringrazio i tifosi che ci sostengono sempre, ed in particolare un tifoso speciale: Ciro Loffredo, sempre presente e vicino ai nostri colori”.