Benvenuto Papa Francesco,

2-ulianoLa visita del Santo Padre accende in noi una profonda emozione per la sua
intensità e per il suo significato pastorale.
A nome di tutti i cittadini pompeiani mi onoro di darLe il benvenuto nella
nostra amata Città e nei nostri cuori.
Santo Padre, a Lei che è vicino agli umili, ai giovani, alle donne, agli
anziani ed alle persone che soffrono, noi umilmente chiediamo di essere
ricordati nella preghiera che si appresta a rivolgere alla Nostra Madre
Celeste.
La presenza a Pompei del Santuario Mariano della Beata Vergine del Santo
Rosario è per noi un faro di luce in questi anni di grandi difficoltà
economiche e sociali.
Anche il Beato Bartolo Longo, di cui siamo certi della Santità, ha amato la
nostra terra rendendola capace di accogliere attraverso opere di carità gli
orfani, i figli dei carcerati ed i bambini abbandonati; il Suo
insegnamento, da cui traggo idealmente ed umilmente esempio quotidiano,
spinge ad adoperarmi per dare a questa Città, culla di Fede, un volto nuovo
che sia modello di pace e giustizia.
Santo Padre, ci auguriamo di averLa di nuovo con noi in occasione del
Giubileo dedicato alla Misericordia, così che possa anche Lei gioire di
questa nostra terra, spesso ferita nel quotidiano, ma fertile di amore e di
accoglienza, pronta a condividere i doni che il Signore nella Sua immensa
generosità le ha riservato in abbondanza.
Santo Padre, grazie per averci donato la Sua presenza .
Nella speranza che torni presto da noi, il Suo umile e devoto figlio.

Il Sindaco Ferdinando Uliano