“Mensa, rinviato l’avvio del servizio in attesa del Tar”. Continua la telenovela a Torre del Greco

481

“L’avvio del servizio di refezione scolastica, già previsto per lunedì 4 febbraio, è rinviato in attesa del pronunciamento del Tar Campania sul ricorso amministrativo – proposto da Sirio S.r.l., tenuto conto che l’udienza per la discussione dello stesso è stata fissata per martedì 5 febbraio”. Poche righe su un cartello affisso presso gli uffici comunali di Palazzo La Salle e rese pubbliche dalla consigliera d’opposizione Romina Stilo aprono una nuova pagina della telenovela mensa a Torre del Greco.

Alle 17 di oggi è stata convocata una riunione d’urgenza tra sindaco e dirigenti per affrontare la questione e arrivare all’individuazione di una soluzione.

“L’avvio del servizio è pertanto rinviato in attesa del pronunciamento dell’organo di giustizia amministrativa”, continua la nota affissa senza alcuna firma o timbro. “Una circostanza deprecabile”, secondo Romina Stilo che ha ricevuto notizia dell’affissione da una mamma recatasi al Comune oggi.

Già questa mattina l’ex vicesindaco aveva sollevato nuovamente il caso mensa.

“Sono convinta che non inizierà”, le parole del capogruppo di Azione Torre, “ad oggi mancano molte certificazioni e autorizzazioni importanti, non credo che si volatilizzeranno in un batter di ciglia”, ha scritto Romina Stilo dicendosi  “sempre più sconcertata dalla leggerezza e superficialità di chi oggi ci governa e che pensa di stare ancora in campagna elettorale a fare solo proclami senza consistenza. Ancora una volta a farne le spese sono i cittadini”.

Insomma a cinque mesi dall’avvio dell’anno scolastico la mensa resta ancora un miraggio con le famiglie allo sbando  in cerca di notizie certe. Già ieri le acque erano apparse agitate in merito all’assenza di autorizzazioni indispensabili per l’avvio delle attività nel centro cottura. Oggi la diffusione dell’avviso con la notizia del rinvio in attesa delle decisioni del Tar sul ricorso della Sirio, che gestiva in precedenza il servizio.

L’attuale aggiudicataria è invece la Sagefi di Napoli.

“E’ assurdo mandare una circolare per farci acquistare i ticket e farci temporeggiare ancora”,  il commento di una mamma indignata giunto sulla pagina fb di TVCITY, “ci vorrebbe un sit in di ribellione”.

Che fretta c’è?”, sui social non manca l’ironia sul ritardo da record.