19.06.2015 - CONTRABBANDO SIGARETTEI carabinieri della stazione Scali Marittimi di Napoli, insieme a personale del settore antifrode dell’agenzia delle dogane e dei monopoli e di militari della guardia di finanza del gruppo di Napoli, hanno arrestato un ottantenne e tre dipendenti di una ditta portuale ritenuti responsabili di aver tentato di contrabbandare 80 kg. di sigarette dirette sulle navi.
Gli arrestati sono:
– V.I. 81enne napoletano;
– L.. 48enne avellinese;
– P.P. 47enne avellinese;
– L.S. 49enne avellinese.
Ieri mattina all’uscita del porto di Napoli i carabinieri della stazione Scali Marittimi hanno bloccato l’auto dell’81enne V.I.
ispezionando la vettura i militari hanno trovato al suo interno 3 casse di winston red, 1 cassa di winston blue, due casse di marlboro red e due casse di merit gialle.
Contestualmente al fermo dell’81enne i militari hanno notato che le operazioni di fuoriuscita dal porto dell’auto dell’anziano erano sorvegliate a distanza da un uomo a bordo di uno scooter.
I carabinieri hanno immediatamente raggiunto e bloccato il sospetto, identificato nel 48enne avellinese L.R.
Con il supporto di funzionari dell’agenzia delle dogane e dei colleghi della Guardia di finanza, presso gli uffici dell’arma interni all’area portuale e’ stata ricostruita l’intera vicenda.
In pratica gli 80 kg erano stati prelevati da V.I. da una ditta interna all’area portuale, ditta della quale gli altri tre arrestati sono risultati dipendenti.
La ricostruzione fatta dai militari ha consentito di definire che le sigarette erano uscite dalla ditta con documenti che ne certificavano l’avvenuto imbarco su una motonave ormeggiata nel porto. La documentazione sarebbe stata prodotta dai tre dipendenti della ditta portuale solo per alienare i tabacchi. Le casse di sigarette poi, invece di arrivare a bordo, sono finite nell’auto intercettata all’uscita dell’area portuale.
Il contrabbando e la vendita delle sigarette sul mercato illecito avrebbe fruttato circa 20mila euro nelle tasche dei responsabili.
Gli arrestati saranno processati oggi con il rito direttissimo.
Nella stessa giornata i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Stella durante operazioni d’osservazione sull’area di un garage in via Letizia hanno tratto in arresto per contrabbando di tabacchi lavorati esteri S. M., un 39enne già noto alle forze dell’ordine, sorpreso mentre stava scaricando dal suo furgone una ingente quantità di tabacchi di contrabbando depositandoli in un box a lui in uso.
A seguito delle conseguenti perquisizioni locale e veicolare i militari dell’arma hanno rinvenuto e sequestrato 1.996 stecche di sigarette di varie marche prive del sigillo dei monopoli di stato e del peso complessivo pari a 342 kg.
Mentre proseguono le indagini per scoprire i canali di approvvigionamento delle “bionde” e quelli della successiva distribuzione, l’uomo è stato tradotto agli arresti domiciliari, in attesa di rito direttissimo.
Nel contesto operativo, è stato scoperto anche un deposito di scarpe con marchio falso e denunciato per introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi un 26enne del Vico Tavernola sorpreso mentre entrava in un box auto attiguo al primo nel quale sono state rinvenute 566 paia di scarpe con il marchio falso della Hogan.