“Ora voltare pagina”: opposizione all’attacco dopo le dimissioni di Palomba. Le reazioni politiche

246

Dal Pd al Movimento 5 Stelle il week end appena trascorso è stato senza dubbio monopolizzato dal dibattito politico a Torre del Greco. Venerdì mattina l’addio del sindaco Giovanni Palomba con le dimissioni arrivate un po’ a sorpresa e a conclusione di settimane non semplici sotto il profilo del dialogo con gli alleati. 

Dall’opposizione le parole di Valerio Ciavolino che ha parlato di “13 mesi di disastri e faide interne alla sua maggioranza”. “Bisogna amministrare con un gruppo coeso, ed il nostro lo è. Noi crediamo nella buona politica”, la chiosa dell’ex sindaco.  

Per il consigliere di centrodestra Luigi Mele “Palomba finalmente hai preso una decisione per il bene della Città! La tue dimissioni comunicate al Prefetto sono il primo e, speriamo, l’ultimo atto dignitoso di quest’anno di mal governo!”.

Le dimissioni sono – secondo Romina Stilo – “l’unica soluzione ai disastri perpetrati ai danni dei cittadini e della città”.

Anche il Partito Democratico in una lunga nota è intervenuto sul gesto del sindaco Palomba parlando di “naturale epilogo di un anno travagliato da scandali e disservizi”.

Il direttivo del partito Articolo Uno ha lanciato un appello a tutti i partiti e movimenti di ispirazione di centrosinistra per confrontarsi: “Occorre riunirsi e lavorare per dare un futuro a Torre del Greco ed ai suoi cittadini ormai disorientati dagli avvenimenti politici e giudiziari”.

Dal deputato Gallo poche righe: “Aspettiamo conferma per aprire una nuova stagione nella nostra città, di rinascita vera”.  “Speriamo che queste dimissioni non siano una semplice dimostrazione politica in risposta ai malcontenti di palazzo”, la posizione dei portavoce in consiglio comunale Borriello e Salerno, “questa città merita chiarezza e credibilità politica”.