Pico (Federmar-CISAL): “Confitarma venga a Torre del Greco” – INTERVISTA

204

La Federmar Cisal interviene nel dibattito sul comparto marittimo: “ Confitarma venga a Torre del Greco ”, dichiara Alessandro Pico.

La città del corallo e dei navigatori è finita al centro di un comunicato stampa della Confitarma – confederazione che raggruppa gli armatori italiani – con un  passaggio che mortifica e svilisce la tradizione della marineria torrese. E che sta suscitando profonda indignazione in città. Sullo sfondo c’è la polemica in atto tra esponenti del Governo e armatori.

Testualmente Confitarma sostiene che “ancora una volta il tema della disoccupazione dei marittimi viene strumentalizzato. Infatti, Torre del Greco conta poco più di 85.000 abitanti: parlare di 50.000 marittimi disoccupati di fatto sminuisce le problematiche dei circa 3.000 marittimi locali che in parte effettivamente navigano ed in parte realmente sono in cerca di occupazione”. Il riferimento è ai ripetuti appelli arrivati dall’armatore napoletano Vincenzo Onorato che sta portando avanti una campagna a difesa del lavoro dei marittimi italiani.

“Lo strumento della disinformazione è uno degli  elementi chiave di Confitarma”, la reazione di Onorato alla diffusione della nota stampa, chiarendo di non aver “mai parlato di 50.000 marittimi senza lavoro a Torre del Greco, ma in tutta Italia”.

Quello diffuso da Confitarma su Torre del Greco è un dato che sottostima di gran lunga la reale portata del comparto marittimo della nostra città.

Al link di seguito, l’inchiesta di TVCITY.

I dati sul comparto marittimo di Torre del Greco: ecco la verità