“Quanto accaduto, ieri, a San Giorgio a Cremano – alla ventiquattrenne vittima di abuso e violenza sessuale di gruppo – é qualcosa di assurdo e di inconcepibile per qualunque società che voglia definirsi civile”.

Parole forti, di condanna, quelle dichiarate in modo congiunto dal sindaco di Torre del Greco, Giovanni Palomba e dalla consigliera delegata alle pari opportunità, Iolanda Mennella.

“Lo é soprattutto oggi, in una società culturalmente avanzata e progredita, ma profondamente lacerata da una crisi etica e morale che sembra inarrestabile e senza eguali.
Lo è per una città come San Giorgio a Cremano che, da sempre, è stata un autentico presidio di cultura, e, di modelli educativi eccellenti che hanno contribuito alla costruzione di una dignità territoriale, storica e sociale dell’ intera area vesuviana.
É per questo che non possiamo stare zitti ed indifferenti innanzi a simili eventi, capaci di turbare e minare – per l’efferatezza delle sue forme – l’assetto e la stabilità di qualunque comunità.
È per questo che gli Uomini e le Donne, impegnati nella vita delle Istituzioni, che gli esponenti delle comunità ecclesiastiche, e, gli operatori sociali e culturali, devono scendere in strada e dimostrare che la Violenza non é uno strumento di dialogo per nessuna società; che liddove c’è violenza non c’è posto per la dignità umana.
È per questo che anche Torre del Greco, sarà presente questa sera a San Giorgio a Cremano in piazza Trieste e Trento alle 20.00.
Sarò personalmente presente, insieme alla consigliera con delega alle pari opportunità, Iolanda Mennella, ed agli componenti dell’amministrazione, per portare, insieme agli altri sindaci, un messaggio di solidarietà alla giovane vittima della violenza ed all’intera famiglia, nonché, per esprimere anche la vicinanza territoriale della nostra città alla comunità di San Giorgio a Cremano”.