Un’opera reticolata, con ogni probabilità cubilia con base quadrata, sta emergendo dagli scavi in corso in piazza Unità d’Italia a Castellammare di Stabia. I lavori riguardano un saggio archeologico disposti dal Comune per successivi lavori di riqualificazione della stazione Circum e della piazza da parte di Eav.

Dalle prime informazioni emerse la struttura sarebbe di epoca augustea e potrebbe trattarsi di un’abitazione o di un complesso termale, così come si evince dalla tecnica edilizia del paramento murario. Il tufo utilizzato, giallo, potrebbe provenire da cave napoletane.

“Siamo in attesa – ha dichiarato Fulvio Calì, assessore all’Urbanistica del Comune di Castellammare – di conoscere le determinazioni della Soprintendenza, cui ci atterremo scrupolosamente. Da parte nostra ci auguriamo che possa essere avviata una vera e propria campagna di scavi mirata a riportare alla luce preziosi reperti”.