Rifiuti a Torre del Greco, si lavora per tornare gradualmente alla normalità. Ancora micro-discariche abusive

132

Un ritorno graduale alla normalità. Le operazioni di raccolta continuano ma la situazione a Torre del Greco resta in chiaroscuro. D’altro canto nel week end l’assessore all’igiene ambientale Giovanni Marino lo aveva detto: “Siamo a metà del lavoro”. Lavoro che procede sul fronte degli ecopunti che progressivamente verranno svuotati.

Resta il problema degli orari di conferimento e del rispetto delle regole. Questa mattina ecco – ad esempio – le condizioni dell’ecopunto nell’area dei Molini Marzoli.

I cassoni alle 10 sono già praticamente colmi e l’aria è irrespirabile. Nelle ex isole ecologiche – secondo l’ultima ordinanza che ha disciplinato orari e giorni di conferimento ed entrata in vigore lo scorso novembre – è possibile buttare la spazzatura dalle 6 alle 12, oltre che dalle 17 alle 23. Rispettando naturalmente i giorni previsti per ciascuna tipologia di rifiuto.

Anche nell’area delle Cento Fontane i camion sono passati a prelevare ma alle 11 gli scarrabili sono pieni e maleodoranti. Per i siti di prossimità – ossia i cassonetti – invece il conferimento è previsto solo dalle 19 alle 23. Anche in questo caso facendo un giro in città non è difficile imbattersi in bidoni stracolmi già in orario mattutino. Come a via Monsignor Felice Romano e via Monsignor Michele Sasso.

La ditta entrata in azione da pochi giorni – la Buttol – ha ribadito l’impegno di automezzi aggiuntivi di grossa portata, bobcat e pale meccaniche per superare la fase emergenziale. Mentre il sindaco Giovanni Palomba ha sottolineato che “l’amministrazione non può e non deve essere lasciata sola in questa operazione di rivoluzione sul territorio” rivolgendo un appello alla massima collaborazione da parte della cittadinanza – in attesa dell’avvio del nuovo sistema porta a porta che sarà legato al nuovo bando di gara pronto a breve e comporterà l’eliminazione delle “isole della monnezza”.

Ma nonostante appelli e la ripresa dei controlli da parte della Polizia Municipale il territorio continua ad essere anche martoriato dal fenomeno delle micro-discariche abusive. Con sacchetti, materassi, ingombranti abbandonati agli angoli delle strade. Come nei pressi dell’arcata che collega via Calastro alle Cento Fontane dove ci sono rifiuti abbandonati in barba ad ogni regola o nei pressi dell’istituto Sasso dove questa mattina ci sono diversi sacchetti in strada.

L’umido deve essere gettato il lunedì, il mercoledì, il venerdì e il sabato. Carta e cartone possono essere conferiti solo il giovedì. Plastica, alluminio, banda stagnata e metalli il mercoledì e il venerdì. L’indifferenziato il lunedì, il martedì, il giovedì e il sabato. Nella giornata di domenica è fatto divieto assoluto di conferimento dei rifiuti su tutto il territorio comunale.