Rifiuti, Torre del Greco in sofferenza. E il sindaco ordina lo stoccaggio provvisorio a Leopardi

263
  • un click per il sarno
  • Faiella
  • Miramare
  • tvcity promo
  • Santa Maria la bruna
  • serigraph
  • Lavela

L’ordinanza è arrivata un po’ a sorpresa a ridosso del fine settimana.

Il sindaco Giovanni Palomba ha dato disposizioni di trasferire i rifiuti nel sito della ditta Fratelli Balsamo di viale Europa.

Un sito di stoccaggio provvisorio nel cuore del quartiere Leopardi e che nelle intenzioni dell’amministrazione dovrebbe consentire di tamponare l’emergenza in atto.
Questa mattina la città si presenta comunque piena di spazzatura e in piena sofferenza.
Nell’ordinanza 210 si descrive sinteticamente la fase di crisi che si sta vivendo ormai già da diverse settimane. “Non è possibile conferire il rifiuto organico ormai dal 23 giugno e contemporaneamente si è in presenza di rallentamenti degli automezzi in fase di conferimento dei rifiuti indifferenziati allo Stir di Tufino per cui gli stessi restano in fila fino a oltre 24 ore, con la conseguente impossibilità di essere utilizzati per i conferimenti”.
Una situazione che – è messo nero su bianco – “sta comportando gravi problematiche igienico-sanitarie”.
Per fronteggiare lo stato di difficoltà è arrivata dunque la decisione di consentire lo stoccaggio provvisorio presso il sito della ditta Fratelli Balsamo “di tutte le tipologie di rifiuti giacenti sul territorio“.
Tra le motivazioni riportate nel provvedimento c’è anche quella di garantire “il necessario ripristino della funzionalità della raccolta differenziata che al momento è impedita dalla promiscuità dei rifiuti” e “l’estrema necessità di provvedere alla rimozione dei rifiuti al fine di evitare gravi conseguenze sotto l’aspetto igienico-sanitario per la pubblica incolumità e per l’ambiente”.
L’autorizzazione a utilizzare l’impianto della Fratelli Balsamo è limitato a un periodo di quattro mesi.
Il sindaco ha disposto che venga eseguito un costante controllo e smaltimento del percolato e che sia assicurata l’opportuna guardiania.
Nel frattempo è già partita una petizione on line per dire “no ai rifiuti a Leopardi”.

Scarica l’ordinanza:

Ordinanza_viale europa rifiuti