“Rischio idrogeologico: non saremo complici dell’ennesimo “disastro annunciato”.
E’ quanto dichiara in un suo recentissimo comunicato la Rete Difesa Vesuvio, dopo aver partecipato alla Commissione Ambiente, il 26 novembre scorso, presso il Consiglio Regionale della Campania, sul tema del dissesto idrogeologico nell’area vesuviana.
La preoccupazione nasce anche dal fatto che il Presidente dell’Ordine dei Geologi della Campania, Egidio Grasso, ha parlato di “rischio idrogeologico R4 (molto elevato) per la fascia vesuviana”. Di fatto gli incendi che hanno distrutto vaste aree del Vesuvio nel 2017 hanno aggravato enormemente la situazione. L’associazione Università Verde di Torre del Greco ne parlerà con un esperto, il prof. Ciro Teodonno, grande conoscitore del territorio vesuviano, che è impegnato in una importante azione di monitoraggio e documentazione dello stato dei sentieri del Parco Nazionale del Vesuvio. Appuntamento alle 17 di mercoledì 5 dicembre preso la sala della dell’Istituto dell’Addolorata.
Il prof. Ciro Teodonno è Presidente della Commissione Regionale per la Tutela dell’Ambiente Montano del CAI Campania, è giornalista pubblicista, guida turistica regionale, esponente dell’associazione Primaurora e, non ultimo, docente di lingua e civiltà spagnola.
La RETE DIFESA VESUVIO è costituita da un insieme di varie associazioni, tra cui l’Università Verde, che operano nell’area vesuviana per la difesa reale dell’ambiente e in particolare del patrimonio Vesuvio.