Pubblicata la graduatoria definitiva e completa con gli aventi diritto all’esenzione dal pagamento del ticket mensa, relativa all’anno scolastico 2017/18. L’elenco, visibile sulla homepage del sito istituzionale: www.e-cremano.it, comprende sia le famiglie aventi diritto al beneficio che erano state già individuate in base alle domande pervenute lo scorso settembre,  sia quelle che l’amministrazione ha inteso inserire in un secondo momento, riaprendo i termini delle domande.

Viste le numerose richieste pervenute infatti, lo scorso 18 dicembre la giunta approvò un atto con il quale l’Ente ha rifinanziato con ulteriori 10 mila euro la cifra di 60 mila, inizialmente stanziata per questo contributo, portando in totale a 70 mila euro l’investimento per l’esenzione del ticket mensa e riaprendo i termini per presentare richiesta. Proprio in virtù di questa decisione, presa a favore delle famiglie sangiorgesi, gli uffici comunali hanno provveduto a stilare una graduatoria completa.

Chi fa parte dell’elenco ma ha già pagato parzialmente il servizio per l’anno in corso, non dovrà presentare domanda di rimborso per quanto anticipato, in quanto si provvederà d’ufficio. Sarà poi compito della scuola comunicare alle famiglie quando poter andare in banca per la riscossione di quanto versato.

“L’esenzione dal ticket mensa è un aiuto economico – spiega il sindaco Giorgio Zinno – che ha l’obiettivo di garantire anche ai bambini appartenenti a famiglie in difficoltà, di usufruire della refezione scolastica senza pesare sul bilancio familiare. Abbiamo riscontrato in questi mesi che sono sempre di più i genitori che ne fanno richiesta, pertanto abbiamo allargato il bacino delle famiglie beneficiarie, offrendo loro questo aiuto che va nella direzione di un miglioramento della qualità della vita”.

D’accordo l’assessore alla Scuola Ciro Sarno: “Anche questa misura rientra in una gestione oculata e attenta dei servizi offerti al cittadino  che l’amministrazione Zinno sta ottimizzando passo dopo passo per agevolare le famiglie sangiorgesi. Programmare significa garantire qualità e rendere sempre più questa città a misura di cittadino“.

La refezione scolastica che viene erogata nei 5 istituti comprensivi della città è un servizio d’eccellenza, come attestato da Asl e dall’università Federico II che periodicamente effettuano controlli di qualità. I pasti vengono serviti attraverso lo scodellamento. Significa che vengono preparati al momento e serviti direttamente al piatto e non nelle vaschette di alluminio preconfezionate, conservando così intatti il gusto e le proprietà organolettiche dei cibi. Inoltre vengono utilizzati cibi di prima qualità, biologici e i menù sono vari e diversi, tali da rispettare le intolleranze o particolari esigenze mediche di bambini.