Uno sbancamento non autorizzato di migliaia di metri cubi di terreno all’interno del parco nazionale del Vesuvio. Lo hanno scoperto i carabinieri forestali della stazione “Parco di San Sebastiano al Vesuvio” assieme a personale del comune di Sant’Anastasia lungo un costone del monte Somma in località “Pennino-Contrada Malopasso”.

La zona, ricoperta da un castagneto, è sottoposta a vincolo paesaggistico ed idrogeologico, in quanto ricade in un “sito di interesse comunitario-zona di protezione speciale”. Era stato realizzato uno sbancamento di circa 4.000 metri cubi di terreno per ricavare un piazzale di 1.500 metri quadri. Un 72enne del luogo è stato identificato quale autore degli abusi e denunciato per inquinamento ambientale, disastro ambientale e violazione delle leggi a tutela delle aree protette.

L’uomo ha riferito di voler realizzare un vigneto, ma la sua versione dovrà essere verificata.