• Lavela
  • tvcity promo
  • un click per il sarno
  • bcp
  • Faiella
  • Miramare
  • serigraph
  • Santa Maria la bruna

DSCN8049Continua senza sosta l’attività di monitoraggio ambientale della Capitaneria di Porto di Torre del Greco in stretto coordinamento con le competenti Procure di Napoli e Torre Annunziata. Gli uomini della Guardia Costiera, lungo la fascia costiera tra i comuni di Torre del Greco, Ercolano e Portici, hanno proceduto all’individuazione di 22 scarichi abusivi di diversa natura e di diverse opere di contenimento di reflui e rifiuti liquidi in assenza delle previste autorizzazione di legge e confluenti nel mare. Nel Comune di Ercolano, sono stati identificati due fabbricati composti da rispettivamente da (cinque) civili abitazioni e (due) esercizi commerciali per il primo e da (sette) civili abitazioni per il secondo, all’interno dei quali sono state rinvenute vasche destinate alla  raccolta di reflui e la contestuale apertura di scarichi di acque reflue domestiche. 
Sempre nel territorio di Ercolano è stato sottoposto ad accertamenti un terzo fabbricato composto da 3 distinte unità abitative all’interno del quale gli uomini della Guardia Costiera hanno individuato ulteriori scarichi abusivi e strutture di contenimento di rifiuti liquidi, realizzate in assenza delle prescritte autorizzazioni.

Deposito illecito di rifiuti allo stato liquido ed apertura o comunque l’effettuazione di scarico di acque reflue domestiche senza l’autorizzazione: le violazioni riscontrate e contestate a carico dei soggetti proprietari delle unità immobiliari e degli esercizi commerciali sottoposti al controllo da parte della Guardia Costiera corallina, per un importo complessivo di sanzioni di natura amministrativa irrogate superiore ai 50.000 euro.

Ai titolari degli scarichi abusivi sono state notificate da parte delle autorità comunali le prescritte diffide di legge finalizzate all’intercettazione e chiusura degli stessi scarichi ed alla realizzazione di vasche non a tenuta. Sempre nel corso della stessa operazione a Torre del Greco a seguito di accertamenti, eseguiti, invece, presso l’impianto di depurazione di San Giuseppe alle Paludi sono stati elevati a carico del soggetto gestore dell’impianto (due) verbali amministrativi, rispettivamente per apertura ed effettuazione non autorizzata di scarico e l’accertato superamento dei limiti tabellari previsti dal testo unico ambientale, con sanzioni che vanno dai 3.000 ai 30.000 euro.

Con l’operazione di oggi salgono a oltre 130 (centotrenta) gli scarichi di natura civile ed industriale rinvenuti negli ultimi mesi lungo la fascia compresa tra Portici e Torre del Greco, che hanno portato in numerosi casi al sequestro degli stessi insediamenti produttivi di provenienza, nonché  al deferimento dei relativi titolari all’autorità giudiziaria competente ed all’irrogazione di sanzioni amministrative per oltre 750.000 (settecentocinquantamila) euro.