cap“I risvolti normativi in materia di sorveglianza sanitaria dei lavoratori marittimi: proposte operative per una più concreta tutela della salute”: è il tema della tavola rotonda tenutasi all’Isis Colombo. L’incontro si inserisce nell’ambito di più ampio costituito tavolo permanente di confronto, cooperazione e dialogo settoriale sul lavoro marittimo, che, voluto e sviluppato da settembre scorso dalla stessa guardia costiera torrese, si pone quale finalità esclusiva quella di monitorare, in chiave proattiva, attraverso incontri sistematici su base mensile, l’andamento del comparto marittimo torrese che, con i suoi oltre centomila iscritti nelle matricole della gente di mare, costituisce uno dei settori portanti dell’economia del mare di questi territori. Presenti al tavolo tecnico tutte le sigle sindacali regionali lavorative marittime (Cgil-filt) (Cisl-fit) (Federmar– cisal), (Uil) (Orsa marittimi) con la partecipazione, in un’ottica di stretta interazione tra mondo del lavoro marittimo, mondo imprenditoriale marittimo, scuola e governo del territorio di dirigenti scolastici, corpo docenti ed alunni di tre istituti nautici, il Cristoforo colombo di Torre del Greco, il Cristofaro Mennella di Ischia e il Nino Bixio di Piano di Sorrento, di esponenti di Federlinea, Confitarma, delle maggiori compagnie armatoriali presenti sul territorio e di rappresentanti dell’amministrazione comunale. Un’importante occasione per operare in chiave compartecipativa una disamina di settore con particolare riguardo agli aspetti di informazione, formazione e sicurezza a bordo del lavoratore marittimo ed in particolare dell’attuale assetto normativo.