Una fiaccolata per Giuseppe. Stasera (martedì 27 febbraio alle 18) la comunità di Pompei ricorda il piccolo ucciso a Cardito e gli dedica un ulivo.

Aveva sette anni il piccolo Giuseppe. Fu ucciso domenica 27 gennaio, a calci, a pugni, con il manico di una scopa da Tony Essobti, 27 anni, italo-tunisino e compagno della madre del bambino. Il luogo, Cardito, in provincia di Napoli.
Quella tragedia lasciò senza fiato tutta Italia. E anche Pompei si strinse intorno al dolore del padre, che viveva proprio nella nostra città.
Fu a Pompei che si tennero i funerali, sarà Pompei a ricordare il piccolo con una fiaccolata e con un segno forte di quella assenza terribile.
Stasera, alle 18, nella parrocchia di San Giuseppe, prima la messa, poi l’inizio di una fiaccolata che condurrà nella rotonda di via Aldo Moro dove, al bambino ucciso, verrà intitolato un ulivo. Per non dimenticare.