“Tarissima”, lunedì in consiglio a Torre del Greco le nuove tariffe della tassa rifiuti

176

Ci sono anche le nuove tariffe Tari rimodulate dopo gli errori del precedente piano economico all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale a Torre del Greco. La seduta è stata convocata per lunedì prossimo – 11 marzo – alle 20.

La giunta Palomba ha approvato il nuovo atto rimodulando piano e tariffe dopo le proteste dell’opposizione che aveva evidenziato – nel corso dell’ultimo consiglio comunale – l’illegittimità del provvedimento approdato in aula. Il tutto mentre la città continua ad essere in sofferenza sotto il profilo della raccolta rifiuti e mentre si attende l’arrivo della nuova ditta – Buttol – individuata per gestire il servizio in via temporanea per sei mesi.

“La Tari sarà Tarissima”, il commento arrivato dai portavoce del Movimento 5 Stelle, “la rimodulazione del piano economico finanziario è la conferma che avevamo ragione”.Il precedente calcolo avversato dalle opposizioni prevedeva un costo complessivo del servizio di 13 milioni e mezzo circa per una quantità di rifiuti stimati di oltre 40mila tonnellate.

Il nuovo documento prevede la rettifica delle tariffe tenendo conto della variazione del costo di smaltimento previsto dalla Sapna. Tenendo conto quindi della deliberazione della Città Metropolitana che ha aggiornato il costo per i rifiuti indifferenziati, il costo di smaltimento salirà da circa 2 milioni e 800 mila euro a 3 milioni e 300mila euro. Per cui il costo complessivo sarà di 14 milioni e mezzo di euro.

Per i 5 stelle restano però dei dubbi “che ancora non sia tutto ben ponderato”.

Torre del Greco, il M5S interviene sulla rimodulazione della Tari: “Avevamo ragione”