Una palazzina  è crollata a Torre Annunziata, in provincia di Napoli lungo la Rampa Nunziante verso la Litoranea. Secondo le prime informazioni dei Vigili del fuoco, nel crollo verificatosi all’alba ci sarebbero coinvolte tre famiglie per un totale di otto persone. Si scava tra le macerie, sul posto carabinieri, polizia, vigili del fuoco, vigili urbani. E’ stata interrotta la linea Vesuviana che passa nei pressi della palazzina crollata. Diverse squadre dei Vigili del fuoco stanno già operando.

 

AGGIORNAMENTI
E’ un edificio a due piani, costruito a ridosso di una linea ferroviaria, la palazzina crollata stamani, intorno alle 6.30. Sul posto vigili del fuoco, volontari e parenti. Si scava anche con le mani. Nella parte della palazzina crollata erano situate le camere da letto. Secondo testimoni, poco prima del crollo era passato un treno.

TESTIMONI
Nessuno scoppio ma solo il rumore del palazzo che cadeva. E’ quello che hanno raccontato alcuni testimoni dopo il crollo stamani. Secondo alcune persone che sono sul posto forse nel palazzo stavano facendo dei lavori di ristrutturazione. All’appello sembra manchino otto persone. I parenti stanno indicando a vigili e volontari l’ubicazione delle camere da letto.

Aggiornamenti in tempo reale:

Crollo palazzina: sindaco, 7 dispersi, anche due bimbi (07/07/2017 ore 10:30)

“Saranno gli organi inquirenti a stabilire se vi sia una connessone tra i lavori e il crollo” aggiunge il sindaco. E aggiunge: “Ora ci auguriamo solo che le operazioni di scavo permettano di salvare quante piu’ vite umane”. Da stamane in via Rampe Nunziante, nella zona a ridosso del lungomare di Torre Annunziata (Napoli), il sindaco Ascione assiste e, dove possibile, coadiuva il lavoro delle squadre di intervento che scavano insistentemente nella speranza di estrarre qualche persona viva: “Stiamo provvedendo a fornire le squadre di intervento di bevande con sali minerali per permettere loro di reintegrare quelli persi in questa giornata molto calda”.Il sindaco parla anche della palazzina: “Si tratta di una costruzione degli anni Cinquanta-Sessanta, in una zona residenziale della citta’. Quelle alle quali stiamo assistendo sono scene inimmaginabili, tragedia immane. Gli uomini del pronto intervento non si fermeranno fin quando ci sara’ la possibilita’ di tirare fuori persone vive”.

Crollo palazzina: cani forse individuano persona, applauso Si continua a scavare con le mani, in azione unita’ cinofile (07/07/2017 ore 10:33)

I lavori di scavo, con le mani, dei soccorritori nell’area del parziale crollo della palazzina a Torre Annunziata (Napoli) vanno avanti; in azione ora anche le unita’ cinofile della Protezione civile oltre ai cani dei Vigili del Fuoco. Gli animali potrebbero aver individuato qualche persona sotto le macerie e cio’ ha provocato un applauso di speranza qualche minuto fa. Ai margini dell’area di intervento vi sono i parenti delle persone sepolte oltre a curiosi.

Crollo palazzina:sindaco,7 dispersi, anche due bimbi ++ Ascione, risultano due famiglie coinvolte, cinque adulti. (07/07/2017 ore 10:40)

”A me risultano due famiglie disperse – afferma il primo cittadino di Torre Annunziata, Vincenzo Ascione – una composta da genitori e due bambini, un’altra da tre persone adulte. In totale sette persone, anche se e’ difficile per ora dare notizie ufficiali sul numero dei dispersi. I primi due piani erano disabitati e interessati da lavori di ristrutturazione. Dove risiedevano le famiglie dei dispersi erano il terzo e quarto. Connessione tra i lavori e il crollo? Non possiamo dirlo”.

Crollo palazzina: testimone, urla strazianti, ‘aiutateci’ Donna, tonfo fortissimo, molti hanno pensato al terremoto (10:45)

“Un tonfo, una grande nuvola bianca con urla strazianti che ho ancora nella testa”. Cosi’ all’ANSA la testimonianza di una donna che abita al quarto piano di un condominio di via Gino Alfani, di fronte all’edificio crollato stamane a Torre Annunziata (Napoli). “Il tonfo, fortissimo, e’ avvenuto alle 6:25 e mi sono affacciata subito al balcone. Di fronte a me il palazzo che si sbriciolava e ho sentito ‘aiutateci, aiutateci’, urla strazianti…c’e’ gente che ha pensato al terremoto ed e’ scappata”. Ancora scossa, la signora prosegue: “Scene indescrivibili Conosco tutti li’, in quell’edificio. Al secondo piano c’e’ la mia sarta, viveva da sola”. Dopo il tonfo, aggiunge la signora, ”e’ transitato un treno delle FS”

Crollo palazzina: impegnate unita’ cinofile Protezione civile  (10:50)

Sono impegnate le unita’ cinofile della Protezione civile della Regione Campania per la ricerca delle persone che risultano disperse nel crollo della palazzina. Si lavora incessantemente, sottolinea la Protezione civile. E’ ancora interrotto il collegamento ferroviario a causa dei massi caduti sui binari. La Protezione civile della Regione sta operando a supporto dei vigili del fuoco e del Comune.